Home

Unipa si fa valere. Attraverso uno studio sugli embrioni dei topi, gli studiosi del Politecnico federale di Losanna (Epfl) e del Karolinska institutet di Stoccolma sono riusciti a mappare lo sviluppo del cervello. Alla guida dell’equipe di ricercatori, il giovanissimo biologo palermitano Gioele La Manno, 31 anni.

Laureato nel 2011, con lode e menzione, in biotecnologie all’Università di Palermo, ha proseguito gli studi con un master in Biomedicina al Karolinska institutet. Proprio lì è rimasto come ricercatore, non perdendo mia di vista i suoi anni all’Università di Palermo. Nel 2018 è infine approdato a Losanna. Adesso il dottor La Manno è a capo del laboratorio di biologia dei sistemi del neurosviluppo dell’Epfl.


Leggi anche: Idiota in azione a Palermo, monopattino gettato in mare alla Cala – VIDEO


Unipa, studente palermitano contro i tumori cerebrali

Lo studio, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica “Nature”, ha permesso di ricostruire l’evoluzione delle singole cellule e di identificare i geni coinvolti nelle malattie dello sviluppo del sistema nervoso.

L'”atlante” che l’equipe di studiosi internazionale ha costruito in questi anni di studio e ricerca contiene informazioni particolarmente importanti per la lotta alle malattie neurodegenerative e dello sviluppo. Ma potrà essere d’aiuto anche nella cura dei tumori cerebrali. “L’atlante attuale mostra quali cellule sono simili e quali sono differenti. Ora vogliamo vedere dove si trovano nel cervello”, ha sottolineato il biologo.

Lo studio inoltre di La Manno e il suo team con i più importanti esponenti in materia nel globo è stato anche pubblicato sulla rivista Nature. Proprio il giornale statunitense ha esaltato gli importanti passi avanti fatti dalla scienza negli ultimi anni.


Leggi anche

incendi

La Sicilia brucia, incendi quasi tutti di matrice dolosa: 250 interventi in un giorno


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata