Home

Avere rapporti sessuali con un robot per molti non è un’esperienza impossibile. Tidio, azienda che sviluppa strumenti per “customer experience”, ha commissionato un sondaggio interrogando 1200 persone in merito alla loro visione del futuro.

Dal sondaggio emergono dati interessanti e anche sconcertanti. Il 60% dei laureati è preoccupato che i robot possano rubare loro il lavoro o rendere la loro esistenza irrilevante. Le persone che hanno risposto, ritengono che lavori quali: cassieri, autisti, traduttori ma anche addetti alla contabilità, addetti alle pulizie, camerieri e baristi siano tra le professioni  più a rischio.


Leggi anche: Il caso del prof Tulone, l’attacco di un collega: “Non ha fatto nulla di importante”


Vorresti avere un rapporto con un robot? Il 40% dice sì

Il 45% degli intervistati ha un’opinione positiva sulla possibilità che intelligenze artificiali (AI) possano prendere il controllo dell’economia. Il 32% non sembra curarsi di possibili abusi o usi improprio dei robot (c’è chi ritiene che in futuro bisognerà riconoscere la personalità giuridica ai robot, aprendo possibilità di avere una gamma completa di diritti e doveri su base contrattuale e persino il “diritto di famiglia, con la conseguenza che un giorno potremmo interrogarci su cosa effettivamente significhi essere membro di una società).

Il 40% è persino attirato dall’idea di fare sesso con un robot-umanoide. Il 39% ritiene possibile una futura “relazione romantica” con una intelligenza artificiale, con una forte discrepanza tra uomini e donne: gli uomini sembrano più aperti all’idea di “dormire” con un robot (48%) e innamorarsi di una IA (elemento ipotizzato come possibile dal 43% degli uomini).


Leggi anche:

Fattorino scansate, la pizza me la porta il robot! – VIDEO-

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata