Home

Sicilia. È morta all’ospedale Garibaldi di Catania la messinese Ylenia Bonavera. Aveva solo 24 anni. Le cause del decesso ancora non si conoscono e per capire cosa sia davvero accaduto alla giovane siciliana serviranno ulteriori analisi. Alcune indiscrezioni parlano di esami tossicologici e che la ragazza si sia presentata all’ospedale con una ferita aperta sul corpo. La 24enne non è la prima volta che entra nel mondo della cronaca.

L’aggressione avuta 3 anni fa da Ylenia

Tre anni fa, a Messina, la ragazza fu aggredita e bruciata con della benzina da un uomo incappucciato. Fortunatamente si salvò. La colpa fu data all’ex fidanzato, a causa dei costanti litigi della coppia. Il corpo della giovane fu per il 13% cosparso di ustioni. Ylenia Bonavera, però, in televisione aveva negato la colpa del suo fidanzato, “perché lui mi amava”. E addirittura aveva iniziato uno scontro violento con la madre, che invece dette la colpa all’ex, in diretta tv in una trasmissione Mediaset. Per quelle ustioni perse il bambino che aveva in grembo da soli 3 mesi. Il fidanzato fu arrestato e tutt’ora si trova in carcere.

Qui il video su YouTube della sua intervista, in cui negava la violenza: https://youtu.be/1m2djF8QBAo

Dal viso, da ciò che postava su i suoi social, dalle brevi interviste televisive si percepiva la sofferenza di Ylenia Bonavera, malgrado la sua giovanissima età. La morte della siciliana resta ancora avvolta del mistero e solo l’autopsia potrà dare la verità alla madre, che negli anni ha cercato di proteggerla da ogni male.


Leggi anche:

Le canzoni più ascoltate su Spotify nel 2020

Al via a Palermo il ”tampone sospeso” per i più bisognosi. Ecco chi potrà fare il test Gratis

Cashback e bug dell’app IO: come arginare i problemi tecnici


Condividi

Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata