Home

Comune di Palermo – Il ricorso contro la Ztl instituita dal Comune di Palermo presentato da 200 palermitani è stato respinto.

Pesante il conto da pagare. I ricorrenti dovranno versare 12 mila euro: 4 mila euro al Comune, 4 mila euro all’Amat e 4 mila euro a Legambiente.

Il ricorso era stato presentato da circa 200 cittadini e promosso dalle associazioni Bispensiero e Vivocivile per chiedere l’annullamento dei provvedimenti sulla Ztl.

Secondo i ricorrenti gli atti predisposti dalla giunta sono illegittimi perché nel bilancio di previsione 2015 non sono state previste entrate per circa 30 milioni, che l’amministrazione conta di incassare dai pass delle Ztl; e il Piano generale urbano del traffico non è stato aggiornato.

Al momento la Ztl sia diurna che notturna è stata sospesa dall’amministrazione dopo l’emergenza Covid. (ansa)

Il commento su Twitter di Giusto Catania Assessore alla Mobilità del Comune di Palermo

“Ancora una volta tribunale ha dato ragione al Comune di Palermo: ZTL è legittima, oltre che necessaria per tutelare la salute. Stavolta la partita è chiusa per sempre: il giudizio di merito è perentorio! Uno stimolo in più per continuare con la mobilità sostenibile #cittàecologica”

Leggi anche:

Comune di Palermo: Assunzioni per 141 all’Amat, ecco le posizioni

Palermo e Catania ultime nell’indice di gradimento dei sindaci

Palermo. Stop per sempre alle auto in Via Maqueda. Ecco tutte le nuove aree pedonali in città

Palermo. Città “tutta porto”. Bar, ristoranti e negozi nel nuovo lungomare della città

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata