Home

Balletti, manovre alla Fast and Furious e foto da influncer. Tutti questi comportamenti hanno portato una giovane autista del trasporto romano ad essere licenziata.

La specialità dell’autista era quella di ballare lo shaka. Un movimento giovanile e virale su TikTok, in cui si usano il pollice e il mignolo.

Tutti i video, fatti durante le sue corse di bus e i suoi servizi, sono nel profilo TikTok della giovane romana, che al suo cospetto aveva 5mila followers. 

L’Atac così ha deciso di licenziare la romana in via cautelare e senza alcuna retribuzione. A riportare la notizia, che ha dell’assurdo, il Messaggero. Il quotidiano sottolinea che la donna, classe 1982, rischia di perdere il posto di lavoro per sempre. I suoi gesti sembrerebbero essere molti criticati dai dirigenti della società di trasporti romana.

La conducente lavora per l’azienda da circa un anno e sul canale social, dove pubblicava tutti i suoi video, aveva molto seguito. Un numero sufficiente per avvertirla però che quello che stava facendo, e cioè i tiktok mentre si è alla guida con azioni anche pericolose, era illecito. 

I commenti su Tiktok all’autista

In molti infatti sotto alle brevi clip da 15 secondi, come ad esempio quello sulle note della Notte Vola di Lorella Cuccarini, commentavano mettendola in guardia e cercando di farla smettere: “Ci fai pure la simpatica? Poi succedono incidenti e ti credo”. E ancora: “Io tuoi video sono passabili di denuncia visto l’uso del cellulare alla guida di un mezzo pubblico”. 

La 39enne gli avvertimenti del popolo web li prendeva con ilarità. O scrivendone commenti sarcastici. Altri follower, invece, le facevano i complimenti per i suoi gesti estremi. 

In un video, si legge sempre su Il Messaggero, ad esempio, la conducente preme l’acceleratore arrivando a sfiorare gli archi parapedonali al lato della strada. In un altro, invece, gioca con le porte del mezzo pubblico, aprendole e chiudendole ripetutamente. Insomma un parcogiochi per la donna che, però, ora rischia il posto di lavoro come autista. Almeno così dice l’Atac.


Pensi di essere intelligente? Prova il “quiz di Einstein” con cui molte aziende assumono


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata