Home

Il blocco del canale di scacchi Agadmator: contenuti offensivi

Antonio Radic è lo scacchista più seguito al mondo. E’ meglio conosciutone web come Agadmator. Radic ha un famoso canale YouTube in cui posta costantemente video dove commenta partite di scacchi. La scorsa estate YouTube aveva bloccato il suo account per contenuti offensivi. Peccato che il suo citare i due colori “bianco” e “nero” fa parte del proprio mestiere.

Il suo è l’account di scacchi più seguito al mondo e conta ben un milione di iscritti.  

Il blocco del canale era avvenuto il 28 giugno scorso ed è durato solo 24 ore. YouTube non ha dato spiegazioni in merito ma due ricercatori credono di aver capito il motivo. La colpa sempre essere imputabile all’intelligenza artificiale. Con tutto quel parlare di bianco che minaccia il nero, lo attacca e lo contrattacca, il canale deve essere stato bloccato perché ritenuto razzista.

La tesi di due ricercatori universitari

La Carnegie Mellon University ipotizza che tutto quel parlare di «bianco contro nero» potrebbe aver attivato l’algoritmo che, insieme ad alcuni umani, passa al vaglio i contenuti postati su YouTube, a caccia di argomenti offensivi.

Per dimostrare questa tesi, due ricercatori della Carnegie Mellon University hanno preso i più noti software programmati per scovare l’«hate speech» e gli hanno dato in pasto 680mila commenti raccolti da cinque canali YouTube dedicati agli scacchi.

Ne hanno poi scelti mille che erano stati segnalati come inappropriati da almeno uno dei programmi e li hanno controllati di persona. Il risultato è stato netto: l’82 per cento non conteneva alcun riferimento razzista, solo il gergo tipico di quel gioco millenario.

Quali sono parole «proibite»

E’ stata fatta una analisi sulle parole che confondo maggiormente l’intelligenza artificiale nelle sue valutazioni. Oltre a bianco e nero, il nome dei due colori accostato a termini come attacco, blocco, contrattacco, cattura e minaccia fanno perdere la bussola al sistema che così segnala il contenuto. A quanto pare è una frase in particolare ad aver causato il blocco del canale di Agadmator. Nel video che pare abbia decretato la chiusura del canale YouTube del 28 giugno, lo scacchista croato stava commentando una partita con il Gran Maesto Hikaru Nakamura, e ha detto semplicemente «il bianco attacca il nero». 

incorporare il linguaggio scacchistico nei software-vigilanti

Complice anche la famosa serie tv La regina degli scacchi, i video su alfieri, re e pedoni bianchi che si scontrano con le controparti nere stanno avendo una crescente popolarità ed è giusto che anche gli algoritmi si adeguino all’evoluzione del nostro linguaggio. Stando ai ricercatori la soluzione per far fronte a questi errori, sarebbe quella di incorporare il linguaggio scacchistico nei software-vigilanti così da evitare che si confondano.


La regina degli scacchi: regina di stile


Condividi
Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata