Home

“I concorsi fatti alla vecchia maniera non servono più a nulla perché non selezionano più la qualità. Bisogna cambiare il modo”. Lo ha affermato il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, intervenendo a Zapping su Radio Rai1. 

Brunetta prova a spiegare meglio la sua proposta innovativa: “I concorsi carta e penna non si fanno più da nessuna parte d’Europa. Io propongo di eliminare la carta e la penna e di eliminare i concorsi che durano 5-10 anni, perché non sono possibili i concorsi fatti alla maniera per cui arrivano 170.000-200.000 richieste e vengono riuniti negli stadi”.

E poi aggiunge: “In nessuna parte del mondo il reclutamento si fa così”, quindi bisogna ”cambiare pagina” utilizzando ”le nuove tecnologie, la digitalizzazione e l’intelligenza artificiale”.


Leggi anche: Rivoluzione Brunetta: “I giovani entreranno nel mondo del lavoro in un nuovo modo. Basta concorsi!” (VIDEO)


La proposta di Brunetta

Queste ultime dichiarazioni si sommano a quelle rilasciate al Tg5 qualche giorno fa. Brunetta stesso parla di rivoluzione nella Pubblica Amministrazione. “Adesso abbiamo bisogno di tutti i più bravi -sottolinea-. Portiamo dentro la pubblica amministrazione tanti giovani bravi che le università e le scuole sfornano”, dando loro ”l’orgoglio di lavorare per 60 milioni di italiani”. Le nuove assunzioni potrebbero essere ”3,5 milioni e magari 4 milioni se riusciremo a ripristinare il turn over’.


Leggi anche:

Rivoluzione Brunetta: “I giovani entreranno nel mondo del lavoro in un nuovo modo. Basta concorsi!” (VIDEO)

Endometriosi: farmaci gratis per le donne siciliane che ne soffrono


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata