Home

La celebre ​applicazione spegne le candeline​, ma è lei a farci un “regalo”. È possibile infatti cambiare temporaneamente
l’icona sulla schermata home, scegliendo tra varie versioni, tra cui anche quella utilizzata prima del lancio.
Pochi giorni fa Instagram ha compiuto 10 anni. Figlia di Kevin Systrom e Mike Krieger, il 6 ottobre 2010 appare per la prima volta nell’App Store. Nel 2012, la sua crescita incessante la porta ad essere acquisita da Mark Zuckerberg per un miliardo di dollari. Nell’ottobre 2015 contiene già 40 miliardi di immagini. Ad oggi, secondo i dati di “We Are Social” relativi al 2020, Instagram conta oltre ​un miliardo di utenti attivi di cui quasi trenta milioni soltanto in Italia.

Il nome ​Instagram,​ creato dall’unione di ​Instant camera e ​telegram,​ è un termine iconico che ormai fa parte del nostro vocabolario quotidiano. Ci si riferisce a un paesaggio particolarmente suggestivo o a un piatto dalla presentazione invitante, come ​instagrammabile​. Ma cos’è che attrae gli utenti? Concepito come uno strumento per dare sfogo alla creatività tramite la fotografia, con i suoi filtri

Instagram è oggi uno dei primi canali di intrattenimento. La sua interfaccia semplice e i suoi effetti colorati permettono di mostrare i propri interessi e abitudini tramite delle immagini. Queste, esposte in una bacheca, detta ​feed,​ formano una finestra sulle passioni di ogni utente, come pezzi di un puzzle raffigurante la propria vita.
Le sue funzioni, in continuo aumento, rendono Instagram un’applicazione completa che non ha nulla da invidiare agli altri colossi della rete. Nel 2016 ha introdotto le stories,​ foto o video disponibili per 24 ore, che si possono anche inserire nelle raccolte personalizzabili all’interno del proprio feed. Oggi sono disponibili anche i video in formato ​IG TV (fino a 10 minuti), vicini a quelli di YouTube, e ​Reels (fino a 15 secondi), questi ultimi sulla scia del collega Tik Tok​.
Per di più, moltissime celebrità richiedono enormi cifre per sponsorizzare i vari ​brand tramite Instagram. Tra gli esempi di ​influencer abbiamo Chiara Ferragni che guadagna 50 mila euro a sponsorizzazione, e la giovanissima Kylie Jenner che si aggiudica il primo posto con la bellezza di u​ n milione​ di dollari a post.

Che l’utilizzo di Instagram piaccia o meno, non si può trascurare l’influenza che da ormai dieci anni esercita a livello globale. È diventato un vero e proprio simbolo, tra i più rappresentativi delle nuove generazioni, che vivono online e che comunicano “a colpi” di #hashtag. Ed è così che diciamo #BuonCompleanno, Instagram!

Condividi

A proposito dell'autore

Barbara Costantino

Neolaureata in Mediazione Linguistica a Unipa, dove adesso frequenta il corso di Lingue Moderne e Traduzione per le Relazioni Internazionali. Le piace cantare, suonare e scrivere. Ama le parole e le ama in diverse lingue, pensa che abbiano un grande potere. Sogna di girare il mondo e di portarsene un pezzo dopo ogni viaggio. Crede nella bontà e nell'altruismo. La sua missione è far ridere gli altri.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata