Home

A sollevare il caso è il Cobas/Codir, che chiede all’amministrazione regionale “il ritiro in autotutela del bando”.

Una norma abrogata citata nei bandi pubblicati in Gazzetta ufficiale – relativa alle riserve di posti al personale interno – rischia di annullare i concorsi alla Regione siciliana: 1.170 posti di lavoro a tempo indeterminato per i quali sono arrivate già migliaia e migliaia di domande.

Concorsi Regione Sicilia: errori nei bandi

La norma in questione sarebbe il comma 1-bis dell’art. 52 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Il Cobas/Codir sottolinea come quest’ultima, citata nei bandi, sia stata superata dall’art. 3 del decreto legge 80/2021 che ha eliminato la riserva del 30% dei posti al personale interno. Per il sindacato, dunque: «un bando viziato da riferimenti a leggi abrogate non reggerebbe a un eventuale ricorso presentato da un qualsiasi candidato esterno e rischierebbe di vanificare le aspettative di migliaia di dipendenti regionali che da quasi 40 anni attendono l’occasione per una progressione di carriera».


Leggi anche: Maxi Concorso Sicilia, la rabbia dei laureati: “Esclusi ma esistiamo anche noi, Musumeci ci ascolti”


La difesa dei sindacati

«A tutela dei lavoratori regionali e della legittimità delle procedure concorsuali» il sindacato «ha comunque già dato mandato ai propri legali per individuare ogni soluzione possibile qualora l’amministrazione non dovesse recedere dalle errate previsioni dei bandi di concorso pubblicati».

Fonte: Ansa

concorsi

La Regione Siciliana assume, concorsi per oltre 1000 posti: ecco tutte le scadenze

Il 2022 è l’anno dei Concorsi pubblici: ecco quelli più attesi

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata