Home

Le ultime evidenze sulle infezioni da coronavirus Covid-19 indicano che l’infezione coinvolge vari organi e si associa a un grave stato infiammatorio, con produzione di sostanze chiamate citochine.

Massimiliano Oliveri, ordinario di Neuroscienze cognitive dell’Università degli Studi di Palermo, in una lettera dal titolo ‘Neuronal strategies to mitigate Covid19 – associated cytokine storm?’, pubblicata sulla rivista Science, propone un nuovo approccio alla terapia di questa patologia basato sulle interazioni tra sistema nervoso e sistema immunitario.

In particolare, Oliveri osserva che una parte del sistema nervoso, il nervo vago, modula la risposta infiammatoria, riducendo la produzione di citochine. L’idea è, dunque, quella di applicare una stimolazione non invasiva del nervo vago nei pazienti colpiti da infezione da coronavirus.

“Questa stimolazione si può realizzare in due modi – spiega Oliveri – con la stimolazione elettrica transcutanea del nervo vago a livello di una zona del padiglione auricolare e con procedure che stimolano l’emisfero cerebrale sinistro, coinvolto nella risposta immunitaria e nel controllo dei processi infiammatori”. A questo proposito, un altro studio del gruppo di ricerca di Neuropsicologia di UniPa, composto dai professori Oliveri, Tarantino, Mangano e Turriziani ha analizzato le correlazioni fra attivazione del sistema nervoso e stato immunologico della popolazione esposta al virus Covid-19.  

(adkronos)

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata