Home

Nella battaglia di prevenzione al Covid-19, scende in campo il test salivare. Via libera del ministero della Salute all’utilizzo del test che utilizza il campione salivare, adatto soprattutto per controlli di massa o ripetuti.

Test salivare

I test salivari si uniscono, così, agli strumenti utili in termini di screening e di monitoraggio dell’infezione da Coronavirus che già conosciamo. Di certo meno invasivi rispetto ai tamponi oro-nasofaringei, i test salivari saranno estremamente utili nel contesto delle riaperture, interessando diversi ambiti: dalle cerimonie alle scuole.

Test salivare: affidabilità

In termini di identificazione dell’infezione, il direttore generale della Prevenzione Giovanni Rezza spiega che «la sensibilità diminuisce dopo i primi 5 giorni dall’inizio dei sintomi». Dunque, il test salivare va utilizzato entro questa esatta scadenza, da quando iniziamo ad accusare febbre, tosse, spossatezza, ovvero quando la carica virale è alta. In ogni caso, «il campione di saliva può essere considerato un’opzione per il rilevamento dell’infezione da Sars-CoV-2, qualora non sia possibile ottenere tamponi oro/nasofaringei». Lo strumento più elevato, infatti, per la rilevazione del virus resta il test molecolare.


Leggi anche: Vaccini, seconda dose in vacanza? Le proposte che dividono


Test salivare: i vantaggi

Sebbene i tamponi nasofaringei rimangano i migliori per diagnosticare con certezza il contagio da Covid-19, il prelievo del campione di saliva può sicuramente contribuire all’identificazione tempestiva degli individui positivi al virus. Infatti:

  • la saliva è facile da raccogliere;
  • il metodo è non invasivo, ideale per screening, bambini e lavoratori sottoposti per esigenze a test frequenti;
  • non richiede attrezzature speciali per la raccolta;
  • può portare ad una riduzione delle risorse necessarie (di laboratorio e di personale, dispositivi di protezione individuale, ecc.), diminuendo, di conseguenza, il rischio di esposizione degli operatori sanitari.

Test salivare: come si effettua?

La raccolta del campione di saliva, per quanto sia meno invasiva, va tuttavia effettuata in modo specifico: è un passaggio fondamentale. I campioni possono infatti essere eterogenei (saliva orale, saliva orofaringea posteriore) e le diverse tecniche di raccolta possono avere un certo impatto sulla sensibilità del metodo. Di seguito, i diversi metodi:

  • sputo generale “general spitting”: raccolta della saliva accumulata a livello del pavimento orale. Ha una sensibilità minore, e quindi lievemente meno efficace;
  • saliva orofaringea posteriore del primo mattino: ha una sensibilità maggiore e dunque è più efficace;
  • sbavatura “drooling”: raccolta di saliva intera in assenza di stimolazione;
  • sputo faringeo posteriore “posterior pharyngeal spitting”: raccolta di secrezioni respiratorie miste, provenienti dalle vie aeree superiori e inferiori.

Test salivare quanto costa e quando sottoporlo

Il costo del tampone salivare è pari a 25 euro. I test potrebbero essere utilizzati già sugli studenti che dovranno sostenere gli esami di terza media e di maturità, al via dal 16 giugno. Il conteggio dei test salivari, come per tutti gli altri, entrerà a far parte dei sistemi di sorveglianza regionali. Dunque, con ogni probabilità, verranno indicati e conteggiati nel bollettino quotidiano, con tutte le conseguenze sull’incidenza dell’RT nazionale.

vaccinare universitari

Covid, vaccinare universitari e maturandi per esami in presenza: la proposta per ripartire

Fonte: QuiFinanza

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata