Home


Negli Stati la giovane Alena Wicker a soli 12 anni ha terminato le scuole superiore. Una dodicenne prodigio, così l’hanno proclamata in America. Già è pronta per la carriera universitaria, l’Arizona State University ha deciso di accettare la sua richiesta di accedere all’interno dell’ateneo.

La giovane sogna di diventare ingegnere alla Nasa. Il percorso è arduo. Dopo che si sarà specializzata in scienze astronomiche e planetarie, secondo quanto riporta Abc 25, il sogno potrebbe avverarsi. La piccola euforica ai media statunitensi ha dichiarato: “ Ho sempre sognato di diventare ingegnere. Io amo tantissimo costruire”. Fin da piccola la dodicenne prodigio afroamericana amava giocare con i Lego, un po’ come tanti ragazzi e ragazze. 

La storia della dodicenne prodigio che punta alla Nasa

Alena Wicker inoltre ha dichiarato di sognare di poter gestire in futuro veicoli spaziali. A 4 anni aveva già capito dove sarebbe virato il suo futuro: “Mamma, lavorerò per la NASA e andrò lassù”. “Indicava le stelle”, ha detto sua madre, Daphne McQuarter ai media. Per poi raccontare sulla dodicenne prodigio: “Aveva solo un dono per i numeri, i Lego e la scienza, quindi ha iniziato a coltivare quel dono”.

Alena si diplomerà due volte in scienze e chimica astronomica e planetaria. Se tutto va bene, finirà con il college a 16 anni e andrà alla NASA quello stesso anno. Il suo obiettivo è costruire rover, come quello inviato su Marte nella missione Perseverance. Con un sogno che ha rotta verso la Via Lattea per la NASA.

“Guiderò uno di quei futuri cellulari spaziali prima della laurea”, ha detto Alena. “Non importa quale sia la tua età o cosa intendi fare. Provaci, sogna, poi realizzalo”. Questo è il messaggio che dà ad ogni singola persona, giovani o meno giovani. 


Leggi anche:

Nasce il concorso “Saperi per la legalità: Giovanni Falcone” per studenti e dottorandi. Ecco come candidarsi


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata