Home

A Reggio Emilia un giudice ha stabilito che usare un’autocertificazione fasulla per uscire di casa non è reato. Infatti secondo quanto esce dall’iter giudiziario emiliano “Il Dpcm è un atto meramente amministrativo che non può limitare le libertà personali sancite dalla Costituzione, e per questo è illegittimo”.

Le parole del giudice hanno fatto storcere il naso a molti, tanto da far discutere quotidiani e siti online. Il primo a riportare la sentenza è stato Repubblica, con la firma di Aldo Fontarosa. Il caso fa riferimento ad un episodio avvenuto quasi un anno fa, durante i primi giorni di lockdown 2020. Con esattezza i fatti sono accaduti a Correggio il 13 marzo. Un anno fa.

I due coniugi, e poi congiunti si scoprirà, nelle proprie autocertificazioni avevano scritto che il motivo della loro uscita fosse una presunta analisi sanitaria.

Autocertificazione falsa: “Non è reato”

Le forze dell’ordine però hanno verificato che il dichiarato della coppia fosse falso: i due non erano mai andati a fare analisi, come scritto nell’autocertificazione di entrambi.

Dopo l’intervento della polizia, è arrivata la denuncia e il processo. A gennaio 2021, per la coppia, è arrivata l’assoluzione “perché il fatto non costituisce reato”.

Il tribunale di Reggio Emilia in questo caso si è espresso così: “il fatto non costituisce reato”. E poi i giudici si esprimono: “Questa tipologia di atto può, probabilmente, imporre a qualcuno di non recarsi in zone infette, nel caso in cui vi siano dei focolai, ma un divieto generalizzato non è legittimo. In virtù di queste considerazioni, il tribunale ha ritenuto nullo l’obbligo di compilare l’autocertificazione per giustificare l’uscita di casa, con il conseguente venir meno del presunto reato di falso ideologico“.


Telefonata choc per Draghi: “Se tocca il reddito di cittadinanza fa la fine di Falcone” [AUDIO]

Sicilia, nasce il portale del lavoro di Confcommercio

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata