Home

Viaggiare, quanto manca viaggiare. Scoprire nuovi posti, staccare la spina da tutto e da tutti. Almeno per un momento dell’anno. La pandemia ha completamente messo da parte il concetto di viaggio e di spostamento da un luogo ad un altro. Ma gli italiani, appena tutto questo finirà, hanno voglia di ritornare a viaggiare. A dichiararlo un sondaggio di Parclick, che ha intervistato e trasformato in numeri le parole degli italiani.

La società di parcheggi online ha constatato che quasi il 40% degli italiani ha voglia di viaggiare verso nuove mete, quando le restrizioni lo permetteranno. Nelle agende dei viaggiatori sono presenti il mare cristallino del Sud e le montagne rocciose di Alpi e Appennini. Ma anche le città d’arte, in primis Firenze e Roma.


Leggi anche

Un mare cristallino con una suggestiva caletta: la bellezza da salvare a due passi da Palermo- VIDEO


La voglia di ritornare a viaggiare

La voglia di viaggiare in teoria ci sarebbe, ma sempre per Parclick la maggior parte degli italiani non ha intenzione di prenotare alcun tipo di soggiorno al momento, proprio per la paura di repentine restrizioni e cancellazioni. Praticamente tutti gli intervistati (91,8%) non pianificheranno un viaggio finché non sapranno se il governo permetterà di spostarsi oltre i confini regionali a partire dal 6 aprile, data di scadenza del dpcm di Draghi.

Il sito Parclick inoltre offre la fotografia per singole città. Infatti per i palermitani la top5 delle regioni, che si visiterrano finite le restrizioni, è eterogenea e variegata. La Toscana è risultata la destinazione più votata da chi intende viaggiare al più presto, seguita da Trentino-Alto Adige, Lazio, Puglia e Sicilia nella top 5.

La classifica Parclick

  1. Toscana 
  2. Trentino-Alto Adige
  3. Lazio 
  4. Puglia
  5. Sicilia
  6. Campania  
  7. Emilia-Romagna
  8. Liguria 
  9. Lombardia  
  10. Marche
  11. Calabria 
  12. Veneto
  13. Sardegna
  14. Umbria
  15. Molise
  16. Piemonte
  17. Abruzzo
  18. Basilicata
  19. Valle d’Aosta
  20. Friuli-Venezia Giulia

Leggi anche

Bullismo, studentessa torna a scuola dopo l’aborto e in classe trova bigliettini con feti disegnati


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata