Home

Nella tarda mattinata di oggi si è svolto il funerale di Chiara Ziami, una delle due vittime nell’incidente avvenuto in viale Regione Siciliana. L’addio è stato colmo di lacrime, pianti e ricordi per la zona in cui viveva la palermitana, ad un passo dalla Stazione Centrale. Il tragico incidente di lunedì scorso ha scosso tutta la comunità cittadina.

“Sarà sempre la nostra stella. Oggi non siamo qui per salutarla ma per renderle omaggio. Lei resta”. Così dicono le amiche di una vita e tutti coloro coloro che hanno conosciuto Chiara. Tutti della giovane ricordano il sorriso e la positività. “Ci diceva sempre che c’era un nuovo motivo per ridere quando qualcuno di noi era triste per una lite col fidanzato o un problema sul lavoro. E se non c’era si poteva sempre inventare”, dicono gli abitanti del quartiere.


Leggi anche: Palermo, il VIDEO dell’incidente in viale Regione: perché quella folle sterzata?


Tragedia in Viale Regione: il funerale di Chiara

La 21enne lavorava in un negozio di detersivi a Palermo ed era pronta per il matrimonio. Infatti proprio qualche istante prima del brutale incidente la giovane aveva scelto l’abito bianco con cui sarebbe andata all’altare con Denny, il fidanzato di una vita. Il ragazzo durante la funzione religiosa, tenuta nella parrocchia Sacra Famiglia in via Gaspare Mignosi, è rimasto immobile e le uniche parole che è stato in grado di dire sono state: “Resterai con me sempre”.

Domani si svolgeranno i funerali di Alessia Bommarito, l’altra giovane rimasta coinvolta nell’accaduto e morta nella notte all’ospedale Villa Sofia di Palermo. Alessia era tesserata nella squadra di calcio Don Carlo Misilmeri. “La società di calcio – si legge in una nota – si unisce al grande dolore per la scomparsa di Chiara Ziami e della nostra ex tesserata Alessia Bommarito. Da parte nostra vanno le più sentite condoglianze alle famiglie di Chiara e Alessia”.


Leggi anche

Incidente in Viale Regione a Palermo, Chiara e Alessia: storia di un’amicizia profonda


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata