Home

La preoccupazione di due docenti universitari: “Siamo vaccinati, ma non vediamo i nostri alunni”

Due docenti universitari non ci stanno. Per loro la chiusura degli atenei è un errore, che pagheranno gli studenti. “Siamo entrambi professori in due Università italiane, una al Nord (Genova) e l’altra al Sud (Salerno). Qui alcune nostre considerazioni. Per oltre un anno, il sistema universitario italiano si è ritrovato intrappolato in un clima di confusione generato dall’inerzia del precedente governo e ha deciso di non scegliere, rimettendosi, con la scusa dell’autonomia, alla buona volontà dei singoli Atenei”, inizia così lo sfogo dei docenti Paolo Becchi, filosofo e professore a Genova, e Aurelio Tommassetti, rettore dell’Università di Salerno.

I due professori aggiungono: “Questo atteggiamento ha lasciato le Università prive di linee guida chiare per il rientro in presenza. Per la verità questo non era neppure previsto”. Per loro la didattica a distanza è uno strumento utile. Ma che non può durare in eterno. “La didattica a distanza, la DAD. è certo meglio di niente, un surrogato per un periodo limitato ma, d’altra parte, ha inevitabilmente avuto ripercussioni negative in termini di acquisizione delle conoscenze. E di equilibrio psico-sociale di molti ragazzi, soprattutto dei più fragili. Peraltro la DAD snatura anche l’etica professionale dei docenti, la dimensione pubblica del lavoro universitario. Con la DAD viene, insomma, a mancare quella relazione profonda che si instaura tra il maestro e il discepolo e che consente. Per dirla con George Steiner, la trasmissione del pensiero”.


Leggi anche: Polemica all’Ars, Armao a Cateno De Luca: “A Palermo sai come si dice? Va sucati un *****”


Lo sfogo di due professori universitari

Proprio in favore degli studenti consigliano: “Bisogna insistere affinché gli studenti possano beneficiare di strutture e spazi fisici in grado di favorire, da un lato, la concentrazione e la riflessione e, dall’altro, la socialità. Ma tale obiettivo potrà essere conseguito solo investendo opportunamente le risorse europee nell’edilizia universitaria per ammodernare le residenze. O costruirne di nuove, nei collegamenti informatici, negli spazi comuni per lo sport, nelle biblioteche, nelle sale lettura e nei laboratori”.


Leggi anche

Angela da Mondello contro Barbara D’Urso: “Mi hai usata per 8 mesi, sei senza cuore”- VIDEO


Condividi


AGGIORNAMENTI

Per tutti gli aggiornamenti invitiamo i nostri lettori a collegarsi alla nostra pagina web Younipa.it , alla nostra pagina Facebook e alla nostra pagina Instagram.

Concorsi pubblici: Tutti i bandi attivi al momento Ricevi sul canale Telegram la rassegna stampa con le ultime novità sui concorsi e sul mondo del lavoro. Prova il nostro tool online per la ricerca di lavoro in ogni parte d’Italia.

NEWS LE NEWS PIU IMPORTANTI Per non perderti tutte le news più importanti raccolte in un unico canale Telegram. Cronaca, politica, sport, cultura, eventi e tanto altro ancora.

GOSSIP: IL nostro canale Telegram dedicato al mondo del gossip Qui per il Gossip

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata