Home

“La felicità non esiste. Di conseguenza non ci resta che provare ad essere felici senza”. Così diceva un ironico e irriverente Jerry Lewis. Anche il concetto di felicità, contentezza e serenità all’Università risulta alquanto ossimorico. Il sito tematico Skuola.net ha tentato comunque di stilare la classifica degli atenei dove gli studenti sono più contenti della propria esperienza.

Per dare vita a questa graduatoria sono state utilizzate tutte le stime di Almalaurea nell’ultimo anno mixate. Ai primi posti, secondo il portale, ci sono tutti atenei del Sud Italia e del Centro. La medaglia d’oro va all’Università degli Studi di Napoli Benincasa, con il 74% degli studenti soddisfatto della propria esperienza universitaria.


Leggi anche: Carrozze con cavalli a Palermo, c’è l’ordinanza: con 35° o più scatta il divieto


Le università dove gli studenti sono più felici, al secondo posto una siciliana

Al secondo gradino più alto si trova un ateneo siciliano, ovvero l’Università di Kore, ad Enna, con il 70% degli alunni felici della scelta fatta. Al terzo posto è presente la Lumsa di Roma con 69%. Tra i primi tre posti risulta esserci una coincidenza che poi così coincidenza non è. Tutti gli atenei citati infatti risultano non statali. Secondo tale stima quindi si è più felici in una non statale che in una statale.

Per arrivare agli atenei pubblici bisogna guardare al quarto posto, dove è presente l’Università di Bolzano con il 63,3% di preferenze. Poi sono presenti il Politecnico di Bari e l’Università di Brescia, che risultano avere più della metà degli universitari soddisfatti rispetto a quelli insoddisfatti per la scelta. L’Università di Palermo non risulta né tra le peggiori né tra le migliori in termine di felicità studentesca e dell’appagamento dell’offerta formativa.


Leggi anche:

Il cuore tra Dacca e Palermo, Shaidul si laurea a Unipa: “I miei idoli Falcone e Borsellino”


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata