Home

È deceduto a pochi giorni dall’inizio del suo ultimo anno di scuola Nicolò Sabarino, un giovane di 17 anni vittima di un incidente in moto a Cossato (Biella) lo scorso settembre. Quest’anno, i suoi compagni di classe dell’Ipsia Lombardi di Vercell hanno chiesto di poter sostenere l’esame di Maturità al suo posto.

La scuola ha accettato la proposta. Così, questa mattina, uno di loro si è presentato due volte davanti alla commissione: una per se stesso e l’altra per Nicolò, il quale avrà un diploma simbolico. Il compagno che si è sottoposta all’esame al posto di Nicolò lo ha fatto una volta terminata la sessione degli esami orali.


Leggi anche: Prima il successo e poi (forse) il diploma, Blanco e Sangiovanni saltano la Maturità


I compagni sostengono la Maturità al posto di Nicolò

“Abbiamo partecipato alle esequie con lo stendardo dell’Istituto per far sentire alla famiglia la nostra presenza. Ci piacerebbe, se fosse possibile, portare simbolicamente Nicolò all’esame di Maturità, insieme a noi – avevano scritto i ragazzi alla dirigente scolastica Cinzia Ferrara. , come riporta la Repubblica, nella lettera in cui chiedevano di poter sostenere la maturità al posto del loro amico -. Ci piacerebbe che la famiglia potesse avere un documento, anche se privo di valore legale, redatto dalla commissione d’esame”.

La dirigente e il corpo docenti avevano accolto la loro richiesta senza esitazioni. “La maturità avrebbe dovuto avere un compito in più da correggere e un’interrogazione in più. La mancanza di Nicolò è stata una presenza costante per tutto l’anno che sarebbe dovuto ripartire nella normalità. Apprezziamo la sensibilità dei nostri ragazzi”, ha commentato l’insegnante di Lettere dei ragazzi.


Leggi anche:

Orgoglio a Unipa, studente premiato dalla Febs: ecco la ricerca innovativa di Ignazio Restivo


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata