Home

E’ bufera su Neymar in Brasile. Il giocatore, infatti, avrebbe organizzato una festa dalla durata di ben 5 giorni con 500 invitati, incurante della pandemia in atto.

“Ha vietato i cellulari per non farlo sapere”

Il calciatore del Paris Saint Germain avrebbe organizzato una festa con centinaia di ospiti nel pieno della pandemia da coronavirus nonostante il Brasile resti uno dei Paesi più colpiti al mondo.

È infatti terzo al mondo per numero di contagiati, quasi 7mila e 500, e secondo per numero di morti, quasi 191mila. L’emergenza nel gigante sudamericano è stata per larghi tratti negata e minimizzata dal Presidente Jair Bolsonaro. E adesso il numero 10 della nazionale, è nel pieno della polemica.

L’evento in questione sarebbe partito venerdì scorso ed organizzato per durare cinque giorni nella villa di Mangaratiba di Rio de Janeiro.

Il campione avrebbe anche assunto una band per intrattenere i suoi ospiti. Il dettaglio più grave forse: per evitare di disturbare i vicini Neymar avrebbe approntato una sorta di area sotterranea con tanto di protezione acustica nei dintorni della residenza.

L’unica regola imposta da parte del padrone di casa, secondo il padrone di casa, è stata il divieto totale dell’uso dei cellulari per evitare di diffondere sui social network stories, video o immagini dell’evento.

Leggi anche:

Google: Le migliori app del 2020. Ecco quali sono:

“Noi medici i primi a dare l’esempio”. Intervista al dottor Tramonte

Babbo natale è positivo: morti 18 anziani e 100 contagiati. Natale tragico in RSA.

Rihanna super Sexy: Autoreggenti e body di pizzo. CHE BOMBA!!! – FOTO

Condividi

Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Fabio C.

I sogni non accadono se non agisci

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata