Home

Arriva l’ufficialità: il parco urbano di Villa Costa riaprirà finalmente i battenti il prossimo 30 marzo. L’annuncio nel corso di una videoconferenza alla presenza del Comitato dei cittadini che ha sostenuto fortemente la riapertura. Il giardino è chiuso dal 2018.

Villa Costa riapre al pubblico

Villa Costa riaprirà il 30 marzo. La decisione è arrivata nel corso di un incontro tenutosi giorni scorsi in videoconferenza, in cui si è fatto il punto sui lavori di sistemazione dell’area verde attorno alla villa, ormai in fase di ultimazione. All’incontro, hanno preso parte: il vicesindaco Fabio Giambrone, l’assessore Sergio Marino, il consigliere Caterina Orlando, i componenti della Terza Commissione Consiliare Paolo Caracausi e Massimo Giaconia, i rappresentanti di Reset e degli uffici comunali, il capo area del Settore verde e vivibilità.


Leggi anche: Palermo, spiraglio di speranza per il Ponte Corleone: “Possibili riduzione delle restrizioni”


“Fondamentale l’impegno e la collaborazione dei cittadini”

Il vicesindaco Giambrone e l’assessore Marino esprimono il loro ringraziamento soprattutto ai cittadini, che in questi quattro anni non hanno mai smesso di collaborare attivamente. “Non possiamo che esprimere la nostra soddisfazione – dichiarano il presidente della III Commissione, Paolo Caracausi, e il consigliere Massimo Giaconia – per l’annunciata apertura di Villa Costa per la fine del mese di marzo. I lavoratori del Comune e delle aziende partecipate hanno quasi completato i lavori di messa in sicurezza della villa e la sistemazione del verde. L’impegno assunto dal vice sindaco Fabio Giambrone e dall’assessore Sergio Marino di ridare questo spazio verde ai cittadini è stato rispettato. Importante è stata la partecipazione e i solleciti pervenuti dalla cittadinanza attiva che si è costituita in comitato e che è stata da pungolo per tutti noi“.

“Il lavoro non è ancora finito”

“La III Commissione è stata sempre al fianco dei cittadini ed è sempre intervenuta a tutela di questo spazio che riteniamo sia fondamentale in questa parte della città. Il lavoro non è finito: dobbiamo ancora recuperare la parte in muratura vandalizzata e far sì che i giochi preventivati vengano collocati al più presto. La vigilanza dei luoghi è fondamentale per evitare nuovi episodi di vandalismo”.

Palermo, “Un ritratto per la pace”: l’iniziativa per sostenere l’Ucraina

Palermo, il casolare di Peppino Impastato torna al figlio di Badalamenti

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata