Home

Ha battuto tutti e si è laureata in soli 3 anni e 6 mesi in Giurisprudenza all’Università Luiss Guido Carli di Roma. Il record stavolta appartiene a una siciliana di 21 anni, Federica Lorenzetti, un vero prodigio poichè è riuscita a laurearsi con 2 anni di anticipo.

Federica è figlia di due magistrati e si è laureata con 110 e lode con la tesi: ‘La natura giuridica delle società pubbliche: crisi d’impresa e responsabilità degli amministratori’. La studentessa da record ha superato il traguardo raggiunto dai ventiduenni Francesco Di Carlo all’Università di Roma Tre e Dario Campesan all’Università di Padova, anche loro dottori alla facoltà di Giurisprudenza, il primo laureato in poco più di tre anni e il secondo e il secondo in tre anni ed otto mesi.

Si laurea in Giurisprudenza in 3 anni, record per una 21enne di Siracusa

Tra le passioni di Federica c’è lo sport – la giovane è atleta agonista della squadra sportiva di Tennis della Luiss -, ha collaborato con Linklaters, studio legale internazionale nella sede di Milano e ha svolto un tirocinio presso la Business School.

Ma qual è stato il segreto per ottenere una laurea in maniera così veloce? “Seguire le proprie passioni, cercare di superare i propri limiti, credendo fortemente in se stessi senza ascoltare gli altri, quando cercano di scoraggiarti con il desiderio di vederti fallire” spiega Federica, nata a Modica, residente a Siracusa, ma che vive a Roma. “Sono molto determinata e testarda, se mi pongo un obiettivo lo devo raggiungere, cerco di dare il massimo. Ho sempre voluto finire prima il mio percorso di studi, ma non avevo preventivato che sarei riuscita a farlo così presto. I primi anni avevo anticipato qualche esame, ma con la pandemia ho sfruttato il tempo libero, iniziando a studiare molte più materie contemporaneamente”.

Adesso Federica guarda al futuro: “Continuerò a studiare, ho fatto domanda di dottorato, ho iniziato la pratica forense e non escludo di partecipare ai concorsi in Magistratura e per diventare Notaio”.

Leggi anche

Vergogna all’esame da avvocato, “Non possiamo promuoverli tutti”: ecco cosa è successo

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata