Home

Vendesi massacrati da Mafia e Racket Impianto di Carburante“. Così si legge in un grande edificio sulla Palermo-Sciacca. E’ scritto in rosso, in lettere cubitali. Sullo sfondo del cemento di un edificio che rappresenta perfettamente il simbolo della di una Sicilia piegata. Dai debiti, dalla pandemia, dal malaffare.

La colpa di chi è? Di nessuno direbbe qualcuno. Non è dipesa da nessuno la pandemia, ognuno fa quel che può per sopravvivere. Il racket fa parte della nostra cultura, non è una novità. La colpa è di tutti invece. E questo è l’ennesimo episodio di disperazione che ci fa capire quanto la nostra gente sta soffrendo e quanto sia necessario far qualcosa, intervenire. Non voltarsi dall’altra parte nei confronti dell’ingiustizia. La pandemia non ci sta rendendo migliori. Se possibile ci sta anche peggiorando. Ma noi possiamo e dobbiamo essere più forti, più caparbi, più uniti e determinati. E le istituzioni devono darci delle risposte concrete e devono stare al nostro fianco. Questo noi dobbiamo pretenderlo.


Sicilia, aumento stipendio portavoce Musumeci: scoppia la bufera

Condividi
Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Maria Pia Scancarello

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata