Home

Orlando ha deciso di bloccare i commenti dalla sua pagina Facebook. Era proprio attraverso quella bacheca che il primo cittadino palermitano esponeva i progetti della città e le iniziative del Comune da lui guidato. Adesso, però, ha deciso di mettere un freno ai commenti che apparivano sulla sua pagina.

Troppe minacce e troppi insulti“. È questo il motivo con cui si giustifica questo blocco così repentino. Da qualche giorno, infatti, la pagina “Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo”, non consente più ai follower di commentare i post pubblicati su Facebook. “I post venivano commentati con una serie di insulti e minacce, tutti regolarmente denunciati alla polizia postale. Ma non era più possibile andare avanti in questo modo”, così spiega a vari siti lo staff di Orlando, che ha preso questa decisione insieme al primo cittadino.


Leggi anche: Giornata della Terra, Orlando: “Palermo in prima linea in difesa dell’ambiente”- VIDEO


E aggiungono: “Non eravamo di fronte a normali critiche, che sono sempre state accettate, ma a continui insulti e gli stessi follower che normalmente frequentano la pagina erano stanchi di vedere tutto questo”. Questo cambiamento di uso dei social di Orlando si è manifestato già da oggi, quando il sindaco è andato di prima mattina al Foro Italico per il Ramadan della comunità ismalica. Una decisione che ha preso di sprovista i palermitani.

Critiche per la decisione di Orlando arrivano da Igor Gelarda, capogruppo della Lega a Palazzo delle Aquile. “Da alcuni giorni i commenti nella pagina Facebook ufficiale del sindaco Orlando sono disabilitati. Il Sindaco che si vantava di essere quello che ‘girava i quartieri’. Adesso rifiuta qualsiasi dialogo, persino online e sui social. Niente male per un sindaco che ha sempre detto che il suo partito è Palermo. Evidentemente un’altra Palermo!”.


Leggi anche

Recovery

Draghi ha deciso: rinuncerà al suo stipendio da Presidente del Consiglio


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata