Home

In occasione della Giornata della Terra, in questo complicato 2021, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando rinnova l’appello ad aderire alla campagna “Stop Global Warming”. Il Comune di Palermo ha già sottoscritto l’impegno ambientale a dicembre scorso e che prevede una Iniziativa di Cittadini Europei (ICE) per chiedere alle Istituzioni Europee di elaborare una proposta legislativa per fermare il riscaldamento globale.

Siamo sempre stata in prima linea nella battaglia a difesa dell’ambiente – aveva dichiarato in quell’occasione il sindaco Orlando -. La proposta oggetto della petizione vuole introdurre un prezzo minimo per le emissioni di anidride carbonica. Per poi puntare verso il risparmio energetico e l’uso di fonti rinnovabili per combattere il riscaldamento globale. Ricordo, inoltre, tutti i piani portati avanti dall’Amministrazione anche con le sue partecipate per il risparmio e l’efficientamento energetico. Ma anche l’iniziativa avviata per un piano cittadino del verde, con la messa a dimora di migliaia di alberi in città. Un impegno quindi su più fronti, consci dell’urgenza di scelte e provvedimenti a diversi livelli per contrastare il riscaldamento globale”.  

Giornata Mondiale della Terra a Palermo

“La Giornata Mondiale della Terra – affermano gli assessori Giusto Catania e Paolo Petralia Camassa – deve indurre ad una riflessione sulla necessità di tutelare il pianeta dal riscaldamento globale causato dai cambiamenti climatici. A maggior ragione in questo momento, in cui l’attacco alla bioversità appare come la causa principale per la diffusione del coronavirus. La pandemia chiama alla responsabilità le città, per questa ragione sentiamo la responsabilità di continuare ad attuare politiche che tutelano l’ambiente in materia di innovazione, pianificazione urbanistica e mobilità sostenibile”.


Leggi anche

Coprifuoco Prorogato: Per il governo la notte non porta consiglio, ma contagio


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata