Home

Si svolgeranno oggi, venerdì 3 settembre alle ore 13.00, i test d’ingresso per Medicina e Chirurgia su tutto il territorio nazionale. In Viale delle Scienze, già dalle prime ore del mattino, gli studenti si sono riuniti per protestare contro il numero chiuso previsto per i corsi di laurea.

La protesta

Una scritta impressa su uno striscione occupa l’ingresso dell’Edificio 19: “Diritto allo studio negato, no al numero chiuso!”, mentre muniti di megafono e volantini gli studenti spiegano le ragioni della loro protesta. La manifestazione è stata organizzata dagli studenti del LabAut – Biblioteca Autogestita, in occasione dello svolgimento dei test d’ingresso per l’accesso ai corsi di laurea Medicina e Chirurgia.

Diritto allo studio negato

Nonostante la pandemia globale, la conseguente crisi economica e il collasso dei centri ospedalieri, il diritto allo studio viene negato ancora una volta“, afferma lo studente Giovanni Siragusa. “Anche di fronte al prevedibile crollo del sistema sanitario siciliano e l’evidente carenza di personale medico e sanitario, i posti di accesso alle università sono ancora estremamente limitati“.


Leggi anche: Test d’ingresso, i palermitani scelgono Unipa: 4 studenti su 10 al secondo tentativo


La situazione pandemica

Gli anni di pandemia hanno reso evidente quanto sia necessario un sistema sanitario più solido e più finanziato. Servono nuovi medici; serve aprire le porte delle facoltà medico-sanitarie a chiunque abbia voglia di intraprendere questo percorso“. Così gli studenti ribadiscono l’abolizione del numero chiuso: “Impedisce ai giovani di formarsi e debilita la nostra sanità!

“Il numero chiuso? Un vero e proprio business”

“Secondo alcune stime, solo uno studente su cinque potrà immatricolarsi. E molti studenti sono costretti anche a dover affrontare grandi spese per la preparazione al test, con il rischio comunque di poter fallire il concorso. Siamo di fronte a un vero e proprio business del numero chiuso che vincola tantissimi studenti a dover scegliere altri corsi di studio – o peggio ancora – a lasciare la propria terra per studiare altrove“, continua lo studente, sottolineando come lottare per l’abolizione del numero chiuso significhi anche combattere lo spopolamento della proprio terra.

Test di medicina: 76mila i candidati

La prova, della durata di 100 minuti, avrà inizio alle ore 13.00 e terminerà alle ore 14.40 su tutto il territorio nazionale. 60 domande a risposta multipla così ripartite: 12 di cultura generale, 10 di logica, 18 di biologia, 12 di chimica, 8 di fisica e matematica. Sono oltre 76.000 gli studenti registrati: chi passerà il test andrà a riempire i 14mila posti messi a disposizione per Medicina e chirurgia e i 1.200 per Odontoiatria e protesi dentaria.

Unipa, potenziare le misure di sicurezza anti Covid nelle giornate dei test: la richiesta della Rum

Lutto ad Unipa, muore studente stroncato da un arresto cardiaco

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata