Home

Il Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea ha presentato il XXIII Rapporto sul Profilo e sulla Condizione occupazionale dei laureati. Il rapporto è basato sui dati dei laureati nel 2020 dell’Università di Palermo. I dati sono stati analizzati su una popolazione di 7.609 laureati. Si tratta di 3.861 di primo livello, 2.042 magistrali biennali e 1.666 a ciclo unico; i restanti sono laureati del corso pre-riforma in Scienze della Formazione primaria o in altri corsi pre-riforma.

Leggi anche: Università, “effetto pandemia”: ci si laurea prima, ma 1 su 3 è senza lavoro

Il commento del Rettore

“L’analisi dei dati del Rapporto 2021 sul Profilo dei Laureati di Almalaurea relativamente al nostro Ateneo mette innanzitutto in risalto la qualità della formazione e della didattica erogata. Già confermata dall’importante trend di crescita delle immatricolazioni registrato negli ultimi anni”. Così commenta il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, prof. Fabrizio Micari. E continua: “I nostri laureati hanno espresso una valutazione pienamente positiva della loro esperienza universitaria: ben l’89,3% si dichiara complessivamente soddisfatto. Il 76,3% si iscriverebbe di nuovo ad UniPa, nella gran parte dei casi confermando anche il Corso di studi. In crescita è il livello di soddisfazione del rapporto con i docenti che quest’anno raggiunge l’87%, mentre l’83% ritiene adeguato il carico di studio, indicando quanto UniPa è un Ateneo che fornisce una preparazione di eccellenza in un ambiente sereno e a misura di studente“. 

Gli investimenti fatti in strumentazione tecnologica per adeguare le aule alle nuove esigenze di fruizione, oltre a quelli in manutenzione ordinaria e straordinaria del patrimonio immobiliare universitario, sono stati valutati con soddisfazione dal 72% dei laureati coinvolti nella valutazione (erano il 68,7% nel 2020 e il 65% nel 2019). 

Il tasso di occupazione dei laureati

Il tasso di occupazione dei laureati ha subito una leggera contrazione 57,7% ad un anno dalla laurea e 81,4 a cinque anni. Scuramente dovuta alle difficoltà di un contesto economico fortemente segnato dalla pandemia e dalle sue conseguenze. “È interessante far rilevare che tale contrazione- continua il Rettore- è inferiore rispetto a quanto mediamente osservato a livello nazionale. Comunque i dati in termini di occupazione sono superiori alla media regionale”.

Un altro dato molto interessante che viene sottolineato nel rapporto è la percentuale di coloro che ritengono molto efficace la loro laurea per il lavoro svolto. Questa raggiunge il 73% ad un anno dal conseguimento (66% a livello nazionale) e il 72% a cinque anni (68,5% a livello nazionale).

L’Università secondo Micari, ha dimostrato una grande capacità nel sapere intercettare le competenze e le esigenze che richiede un mercato del lavoro. In un territorio che ha grandi potenzialità ancora da sfruttare.

“Anche se i valori riportati nel Rapporto sono sostanzialmente confermati, in alcuni casi migliorati,- conclude il Rettore- occorre comunque aumentare l’impegno per potere garantire ai nostri laureati le migliori possibilità di lavoro e di lavoro qualificato. A maggiore ragione in un momento come questo le istituzioni, le imprese, la politica devono collaborare con gli Atenei per concretizzare un’autentica rinascita a partire dai nostri giovani, che sono preparati al meglio per esserne i protagonisti”.

Qui di seguito è possibile scaricare il rapporto completo:

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata