Home

Il progetto finalmente si è stabilizzato: Palermo avrà l’hub vaccinale H24. E al momento il capoluogo siciliano risulta essere il primo in tutto lo stivale. L’attività notturna sarà possibile con l’attivazione di un nuovo spazio: il padiglione 20A, ribattezzato anche padiglione degli acquerelli. Una porzione sottostante il padiglione 20, il locale della Fiera del Mediterraneo, dove attualmente si effettuano oltre 4000 vaccinazioni giornaliere.

L’obiettivo, una volta a regime, è incrementare le somministrazioni di circa 1000-2000 unità, arrivando a 6000 vaccini al giorno nel solo hub provinciale di Palermo. L’h24 partirà da venerdì 21 maggio (dalla mezzanotte a cavallo tra giovedì 20 e venerdì 21) e funzionerà in questo modo:

  • dalle 8 alle 24 vaccini al padiglione 20, che chiuderà a mezzanotte;
  • dalle 24 alle 8 vaccini al padiglione 20A, che chiuderà al mattino, in contemporanea con la riapertura del 20.

La vaccinazione al padiglione 20A sarà aperta solo ai cittadini nelle fasce 16-59 anni con patologie non gravi e 40-59 anni senza patologie.


Leggi anche: Denise Pipitone, l’anonimo a Chi l’ha visto?: “So come è andata, sono certo al 100%”


Alla Fiera vaccini H24: “Palermo prima in Italia”

“Siamo i primi in Sicilia e, da quanto ci risulta, anche in Italia ad attivare l’h24 – dichiara il commissario Covid della Città metropolitana di Palermo Renato Costa -. Ci riempie di orgoglio il fatto di mettere a disposizione un hub vaccinale che non si ferma mai. Lo volevamo con tutte le nostre forze. L’imperativo è vaccinare, vaccinare, vaccinare”.

“Aumenta in città – ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando – il numero delle postazioni al servizio di quanti vogliono vaccinarsi. E ora sarà possibile farlo h24. Si tratta di un nuovo importante risultato da parte dell’amministrazione comunale che ha messo i locali a disposizione. Un obiettivo che ci permette di vedere la luce in fondo al tunnel di questa terribile pandemia”.

E ha concluso il primo cittadino palermitano: “Esprimo un sincero ringraziamento a tutti. In particolare ai tanti giovani medici e volontari, il cui impegno e dedizione aprono il cuore alla speranza di un ritorno ad una vita normale. Ma dobbiamo tenere alta l’attenzione rispettare le regole anti-contagio, convinti che mascherine e vaccini sono la via maestra per sconfiggere la pandemia”.


Leggi anche

Palermo, “Un libro gratis per chi si vaccina”: l’idea della biblioteca Tramonte


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata