Home

L’educazione e l’etichetta sono molto importanti in ogni ambito della nostra vita sociale. Parliamo di quelle regole non scritte che fanno parte delle buone maniere e della buona creanza che ognuno di noi dovrebbe rispettare. Le regole non scritte sono molto più importanti da rispettare nell’ambito dei rapporti sociali.

Il Bon Ton dell’ospite

Oggi parliamo di queste regole applicate nell’ambito privilegiato della tanto cara e preziosa ospitalità. Si dice che ognuno di noi è il re della propria casa. E questo senza dubbio ci suggerisce che le regole della casa le stabilisce direttamente il suo proprietario.

Quindi, come regola generale, ricordiamoci sempre di rispettare le norme che ci vengono enunciate dal padrone di casa. Quelle sono le tavole della legge che vige nella casa in cui siamo ospitati, e duqnue sono inviolabili.

In seconda battuta, è sempre meglio evitare alcuni comportamenti che possono risultare quantomeno inopportuni. REgole generali che valgono a prescindere delle situazioni specifiche. Quindi, mai fare queste cose quando si è ospiti a casa di qualcuno!

Le 5 regole di bon ton del buon ospite:

  1. Mai presentarsi a mani vuote. È la prima regola da seguire. Per risultare un ospite gradito è buona creanza portare un cadeaux a chi ci sta ospitando. Non deve necessariamente trattarsi di qualcosa di molto costoso. Essenziale è far sapere a chi ci accoglie che gli abbiamo dedicato un pensiero e del tempo.

2. Mai portare con se animali domestici. Si presume che il proprietario di casa abbia invitato noi, non già i nostri amici a quattro zampe. Portiamoli con noi solamente dopo averlo chiesto espressamente a chi ci riceve. Non tutti apprezzano la presenza di animali in casa propria.

3. No ai telefoni a tavola. Questa è forse una delle cose più sgradevoli tra le altre. Ed è probibilmente l’abitudine più sbagliata in cui molti di noi, senza quasi farci caso, incappano. A meno che ad invitarci non sia una persona molto intima, evitiamo con ogni sforzo di stare al telefono quando siamo a tavola. Se proprio abbiamo necessità di allontanarci un momento, telefono alla mano, dichiariamolo preventivamente ai padroni di casa.

4. Evitare di chiedere la password del WI FI. Quest a regola va di pari passo con quella precedente. Se proprio riteniamo chwe l’uso dello smartphone sia indispensabile per noi, almeno usiamo il traffico dati a nostra disposizione. Evitiamo di connetterci alla rete di casa dei proprietari.

5. Non sbirciare negli ambienti di casa. Altra cosa da evitare. Meglio non mettere il naso nelle stanze e negli altri ambienti di casa, a meno che i proprietari non ci abbiano dato il loro preventivo consenso.

Questi sono piccole accortezze che non costano nulla ma che rappresentano la base delle buone manierte. Vi invitiamo a rammentarle sempre e sarete dei perfetti ospiti, quelli che ogni padrone di casa vorrebbe invitare!


Università, giovani e futuro in Sicilia: l’assessore Lagalla si racconta a Younipa


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Maria Pia Scancarello

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata