Home

Una busta contenente due bossoli è stata recapitata al leader di Italia viva Matteo Renzi. Lo si apprende da fonti parlamentari.

L’ex premier ha poi ricevuto una telefonata dalla presidente del Senato, Elisabetta Casellati per esprimere la propria solidarietà.

Busta con proiettili a Matteo Renzi, i messaggi di solidarietà

“A nome mio personale e di tutto il gruppo Pd del Senato esprimo grande solidarietà al senatore Renzi, vittima di un gesto folle. L’odio deve essere totalmente bandito dal linguaggio della politica”. Lo dichiara il capogruppo dem Andrea Marcucci dopo il ritrovamento di una lettera con due bossoli indirizzata al leader Iv.

“Una busta con due bossoli recapitata a Matteo Renzi. Una minaccia spaventosa che mi auguro sia condannata con fermezza da tutti. È il momento di dire basta a questa politica intrisa di violenza e odio. Matteo, siamo al tuo fianco, con forza e orgoglio. Non ci faremo intimidire”. Così Teresa Bellanova di Iv

“C’è la battaglia politica. E può essere durissima, ferocissima anche. Ma qui non siamo più su di un livello politico. Qui dobbiamo solo stigmatizzare. La violenza, anche solo attraverso intimidazione, non è politica, perchè politica è rispetto delle persone e delle opinioni altrui”. Nicola Morra, senatore M5S (tra gli espulsi) e presidente della Commissione Antimafia, lo scrive su Facebook.

“Sincera solidarietà e vicinanza al senatore Matteo Renzi, destinatario di una busta contenente due proiettili. La violenza e le minacce di ogni tipo vanno condannate con decisione e determinazione e nulla hanno a che vedere con la normale dialettica politica. Siamo certi che Renzi non si farà in alcun modo intimidire”. Lo afferma in una nota Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari regionali e le Autonomie.

Leggi anche

Condividi

Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata