Home

In un momento storico così difficile, in cui ogni sera andando a dormire non sappiamo bene cosa leggeremo la mattina al nostro risveglio. Mentre siamo ancora confusi dalle direttive ballerine che il governo ha dato per le festività, ecco che arriva l’ennesima novità: la zona bianca.

La zona bianca

Ovviamente, come tutti i teaser trailer che si rispettino, questa possibilità della zona bianca è stata annunciata ma verrà data “certezza” solo il 16 gennaio (sempre che non cambi la data d’uscita nella “sale”).

La zona bianca dovrebbe avere un Rt sotto 0.5, un traguardo attualmente difficilissimo da raggiungere, e incarna il sogno di tutti noi: “un luogo in cui ogni cosa sia come prima”.

Che il governo, memore dei fallimenti di Pavlov, voglia instituire la Zona bianca, a mo’ di rinforzo positivo? Peccato che, al momento, nessuna regione rientri in questi canoni… il bastone e la carota potrebbero anche funzionare, ma da bravi cerchiobottai non sanno bene cosa o come colpire.

Infatti, dopo aver sbandierato la zona bianca, annunciano che tra i loro obiettivi c’è il voler introdurre nel nuovo Dpcm il divieto per i bar di vendere cibi e bevande da asporto dopo le 18. Resterebbe in vigore la possibilità di poter andare a trovare parenti ed amici, verrebbe però messo un freno alla mobilità tra le regioni, indifferente se siano arancioni, rosse o gialle.


Leggi anche: Conte: “È arrivata una nuova impennata dei contagi: non è facile, ancora sacrifici”


Attualmente, in Sicilia, la situazione è parecchio pesante. Infatti, la zona rossa sembra sempre più vicina. I contagi continuano ad aumentare, nonostante il tasso di positività sia calato leggermente (da 19,8% a 18,2%). Resta uno tra i più alti in tutta Italia.

L’emergenza è sempre più pressante, lo testimoniano i nostri ospedali, saturi e in difficoltà davanti a quella che, più che una terza ondata sembra uno tsunami. Si trovano sempre sull’isola 4 delle prime 5 province, in tutta Italia, con la maggior crescita dei contagi: Siracusa, con un aumento del 18,1%, Messina, +17,1%, Trapani, +17%, e Caltanissetta, +15,1%.

Zona bianca? Il Moby Dick del periodo Covid

Possiamo quindi dire che la zona bianca, per varie assonanze, può essere definita il Moby Dick del periodo Covid.

Non si criticano le restrizioni da parte del governo, ma il continuare a danzare con passi incerti attorno a un’amara verità.

Come un genitore autorevole (e non autoritario) deve prima o poi rimproverare un figlio, o come un insegnante che, nonostante le lamentele degli allievi, gli assegna comunque dei capitoli da studiare, anche il governo dovrebbe ricordarsi il suo ruolo e dare alla popolazione dei confini netti da seguire. Non piaceranno a tutti, forse a nessuno, purché siano “per il nostro bene” e non solo per il bene dell’economia.


Potrebbe interessarti:

Conte più povero. Ecco quanto guadagnano i nostri politici

Ultim’Ora. Due nuove Zone Rosse in Sicilia. Sono 7 dall’inizio del 2021


Condividi
Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Beatrice Gozzo

Inguaribile nerd, dopo il triennio alla scuola di fumetto di Palermo, ho deciso di unire la mia passione per il disegno con quella della scrittura, così mi sono iscritta alla scuola Holden. Da qualche anno, sono tornata in Sicilia, la mia terra, dove mi occupo di corsi brevi di disegno e scrittura per bambini e di fumetto per ragazzi.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata