Home

“In giugno saremo come la Gran Bretagna“. A pronunciare queste parole, che suonano quasi profetiche, è il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri: “Con le riaperture i casi saliranno. Ma con 500mila vaccinazioni al giorno, aumenterà anche il numero dei vaccinati”.

Sileri: “Serve ancora pazienza per 2-3 settimane”

Capisco le persone e il bisogno di ricominciare a fare una vita normale, serve ancora pazienza per 2-3 settimane, aspettare che si concludano le vaccinazioni di tutti gli over 80 e che si arrivi a 30 milioni di italiani coperti con almeno la prima dose di vaccino anti-Covid“. Così il sottosegretario alla Salute dichiara in un’intervista rilasciata al Corriere della sera.

Il modello inglese

Il modello da seguire, e quello a cui tutte le nazioni europee auspicano, è quello della Gran Bretagna. L’ultimo bollettino inglese, infatti, parla di soli cinque morti e 2.000 nuovi contagi su un milione di tamponi processati. Meno di 1.200 i ricoveri Covid. Secondo gli esperti, il merito del successo inglese è la vaccinazione: oltre 52 milioni di dosi inoculate e più del 66% della popolazione adulta ha ricevuto la prima dose. Così la Gran Bretagna torna alla vita “quasi” normale. Il governo ha infatti annunciato ulteriori allentamenti delle restrizioni, come il via libera agli incontri al chiuso.


Leggi anche: Covid, buone notizie: Sicilia verso zona gialla, coprifuoco allungato e zona bianca all’orizzonte


Sileri: “Continuiamo a non fidarci del Covid”

Sileri, tuttavia, non manca nel richiamare costantemente alla prudenza, mantenendo il livello di attenzione alto: “Il Covid c’è ancora. Fino a che avremo questi numeri di ricoveri in terapia intensiva e decessi, non possiamo abbassare la guardia. Io dico: continuiamo a non fidarci, questo è un virus cattivo”, invitando la popolazione a continuare a rispettare le regole, indossare la mascherina ed osservare il distanziamento. E sul futuro della Penisola, il sottosegretario dichiara: “Entro due settimane tutte le Regioni in fascia gialla e il coprifuoco alla mezzanotte. E i ristoranti potranno lavorare anche al chiuso“.

Palermo, via alla campagna vaccinale dai 16 a 59 anni con patologie non gravi: ecco come prenotarsi

Queste api sono addestrate a riconoscere chi è malato di Covid

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Cristina Riggio

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata