Home

“Secondo i nostri calcoli matematici tra il 6 e il 7 di aprile avremo il picco della mortalità per Covid. Qualche giorno prima, tra Pasqua e Pasquetta, il picco per le terapie intensive. Intanto per quanto riguarda la curva dei positivi al virus, l’appiattimento lo abbiamo già adesso”. Lo ha detto all’Ansa Giovanni Corrao, docente di Statistica medica dell’Università Milano Bicocca commentando i dati di oggi che vedono in salita sia il numero dei decessi che dei contagi (16.017 nelle ultime 24 ore rispetto ai 12.916 di ieri; 529 vittime su 417 del giorno prima).

Lo studio sull’andamento del Covid in Italia

Corrao tuttavia mette in guardia: “Non ci facciamo condizionare dal dato giorno per giorno perché i numeri sono ballerini. Risentono cioè di fluttuazioni difficili da valutare, a partire da come le singole regioni fanno lo screening, al conteggio dei sintomatici” “Quel che conta adesso – spiega – è che i provvedimenti restrittivi decisi più di quindici giorni fa cominceranno ad avere effetto intorno a Pasqua, poiché tra le misure e i risultati c’é sempre un periodo di latenza. Abbiamo un’esperienza di quasi 13 mesi, è chiaro che le chiusure comporteranno dei benefici”.


Leggi anche: “I morti? Spalmiamoli un poco…”: le intercettazioni shock che indignano la Sicilia


E conclude: “Da statistico medico non posso che sottolineare che per avere buoni risultati nella guerra al Covid bisognerebbe chiudere tutto adesso con una scadenza precisa e accelerare enormemente le vaccinazioni”.

Leggi anche:

Scandalo in Sicilia, i dati sui contagi erano falsati: 3 arresti, l’assessore Razza (indagato) si dimette

Condividi

Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata