Home

Se il buongiornissimo si vede dal “kafféèeèè”, ecco, in questo modo potrebbe pure far male un caffè. Si scherza, naturalmente. Ma potrebbe fare ancor più male se prendeste più di cinque tazzine di caffè al giorno: quello fa veramente male, talvolta per sempre. Basterebbe semplicemente prenderne anche uno – magari due – al giorno per iniziare bene la giornata. A noi, cinque, ci bastano e ci avanzano. Uno per giorno. Certo, in questi giorni prenderete il caffè ad asporto, per via dell’attuale DPCM, senza prenderlo al bancone e gustare – oltre al caffè nella vostra tazzina – anche l’odore del caffè già tostato, da macinare. Speriamo tutti quanti che manchi poco a prendere di nuovo il caffè al bancone, ma nell’attesa di rivederci al bancone per offrire un giro di caffè, eccovi i cinque caffè più buoni di Palermo! Possibilmente con un bicchiere d’acqua accanto, non costa nulla…

Ideal Caffè Stagnitta, Discesa dei giudici 42

situato nel cuore del centro di Palermo, tra Via Roma e Via Maqueda, in una cornice suggestiva storica e decadente tra vecchi palazzi, il Comune e la chiesa della Martorana, la torrefazione Stagnitta ha una lunga storia alle sue spalle: la quarta generazione della famiglia Stagnitta ha preso le redini della celebre torrefazione fondata ormai quasi cent’anni fa, nel 1928. Lì troverete una storia lunga quasi un secolo, gli odori inebrianti dei chicchi tostati di caffè più ricercati e le miscele migliori d’importazione a prezzi unici in tutta la città, ma accessibili a tutti. Personale giovane e dinamico, oltre che gentile.

Bar Pasticceria Alba, Viale Margherita di Savoia 2

Mondello. Basta la parola per suggerire temi come caldo, estate, spiaggia, mare. Ma Mondello è anche caffè: nello storico Bar Pasticceria Alba, il caffè a Mondello è sempre un rito rispettatissimo 365 giorni all’anno. Pur non avendo una sua propria torrefazione, l’acquisto delle miscele di caffè è all’ordine del giorno: le migliori qualità arabica sono dispensate dai baristi del locale nel modo migliore. Cura per le macchine del caffè, gusto inebriante e servizio impeccabile sono le parole d’ordine per servire un ottimo caffè. E il Bar Pasticceria Alba non è da meno.

Caffè Pasticceria Spinnato Via Principe di Belmonte 111

Torniamo in centro, adesso. Il nome Spinnato riecheggia nelle orecchie dei palermitani come un’istituzione del ristoro, della colazione, del brunch, della premiata forneria. Il caffè non è da meno: in mezzo alla parte “altolocata” del centro di Palermo, il caffè di Spinnato è veramente democratico, per tutti. Nell’attesa, dicevo, di riprendere il caffè al bancone, Spinnato ci fa “spinnare” – non a caso – per i suoi interni in legno pregiatissimo dove sorseggiare tranquillamente un ottimo caffè in assoluta tranquillità nell’atmosfera della cortesia e dell’ironia contagiose dei lavoratori del bar.


Meglio una tazza di tè o una tazzina di caffè? Il dilemma degli studenti sotto esame


Torrefazione al Moretto, via Rosolino Pilo 22

Altra storica torrefazione palermitana, anche se più “recente” della Stagnitta. L’attività, fondata da Giuseppe de Caro alla fine degli anni sessanta, è un noto punto di ritrovo dei lavoratori che operano nei dintorni (via Ruggero Settimo, Via Cavour), nuove miscele d’importazione ogni giorno e personale preciso, educato e puntuale. Le miscele in vendita sono anche disponibili per bar e privati cittadini. Da provare la miscela Casa Excelsior!

Bar Pasticceria Massaro, via Ernesto Basile 24-26-30 Non poteva mancare l’arcinoto Bar Massaro. Ritrovo di studenti universitari, laureati e non, che fornisce un servizio impeccabile e simpatico per la simpatia dei loro baristi e lavoratori. Il bar serve al bancone miscele commerciate dalle varie torrefazioni siciliane e i prezzi sono i più bassi della città: insomma, qualità e prezzo ottimi per iniziare la giornata con un ottimo caffè.

Leggi anche:

Gambero Rosso. Una sola siciliana tra le migliori pasticcerie d’Italia

Tragedia a Palermo. Bimba batte la testa a scuola e muore

Condividi

A proposito dell'autore

Paolo La Scala

Paolo La Scala, classe 1988, palermitano un po' alla torinese e un po' alla romana. Laureato in storia contemporanea, ricercatore storico, polemista, libero scrittore.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata