Home

REATO ALIMENTARE: Il Parlamento cinese lo ha sancito: il food waste è ora un reato. Dopo la campagna di sensibilizzazione partita lo scorso agosto, le istituzioni compiono un ulteriore passo avanti e coinvolgono anche la ristorazione.

È stato lo stesso presidente, Xi Jinping, che lo scorso agosto ha esortato i connazionali a essere più frugali e più attenti nella gestione delle risorse. In alcuni ambienti infatti è abitudine organizzare banchetti pantagruelici ordinando più di quanto gli ospiti possano mangiare. È chiaramente un segno di disponibilità economica ma il risultato è che, secondo i dati ufficiali, l’industria della ristorazione, solo nelle aree urbane, spreca quasi 18 milioni di tonnellate di cibo ogni anno.

Ora il Parlamento cinese ha votato un testo che fa dello spreco alimentare un crimine; la legge apre anche alla possibilità per i servizi di ristorazione possano far pagare i propri clienti in caso di spreco.

Al contrario, ha reso noto l’emittente di Stato CCTV, chi finisce correttamente la propria ciotola può essere “premiato” (non è chiaro come) mentre i ristoratori che incoraggiano a ordinare in eccesso rischiano una multa fino a 10.000 yuan (1.274 euro, più dello stipendio medio mensile).

Sanziona pesantemente anche i video di abbuffate, molto popolari online

Quelli in cui le persone fanno a gara per chi mangia di più. La pandemia di coronavirus e le gravi inondazioni degli ultimi mesi hanno aumentato i prezzi del cibo; e questo, unito alle parole di Xi, ha sollevato la questione della sicurezza alimentare e del rischio delle possibili carenze.

Come nel periodo di massimo splendore del maoismo, le parole di Xi sono però state sufficienti a innescare una pletora di iniziative più o meno efficaci: un ristorante a Changsha ha addirittura invitato i clienti a pesarsi prima di ordinare un menu adattato al proprio peso (o sovrappeso…).

Ben 931 milioni di tonnellate: tanto il cibo sprecato nel 2019, secondo il Food Waste Index Report 2021.

I comportamenti peggiori sono quelli domestici, responsabili dell’11% di spreco seguono il food service (5% di scarti) e infine e il retail con il 2%. Con conseguenze, inevitabili, sullo stato di salute del pianeta.

Sulla base della nuova norma, “reato alimentare” inoltre, i ristoratori saranno autorizzati a far pagare i clienti spreconi, ma se invece li incoraggiano (stando alle informazioni della Tv Stato CCTV) saranno passibili di multa, che potrà ammontare anche a 10.000 yuan (1.274 euro).


Altre notizie:

Bollettino Covid, l’Italia supera i 4 milioni di casi: i dati nazionali e siciliani

In Sicilia arriva il “Green pass” per gli spostamenti, come richiederlo e a chi spetta

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

I sogni non accadono se non agisci

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata