Home

John McAfee, il papà del celebre antivirus, si è suicidato in una carcere vicino a Barcellona, in Spagna. L’estremo gesto è arrivato poco dopo il via libera alla sua estradizione negli Stati Uniti, dove rischiava 30 anni per evasione fiscale. Le guardie del penitenziario Brians 2 hanno cercato di rianimare il 75enne ma senza successo. I medici non hanno potuto far altro che certificare la sua morte.

Secondo fonti di polizia, McAfee si è impiccato. Il milionario era stato arrestato in ottobre in Spagna, su ordine di cattura partito dagli Usa, dov’è accusato – riporta Tgcom – in particolare per la mancata dichiarazione dei redditi realizzati con la promozione di criptovalute e con la vendita dei diritti sulla storia della sua vita per un documentario.

Leggi anche: Covid, focolaio di variante Delta nel cast del film Disney “La Sirenetta” in Italia: 15 casi


Il re degli antivirus nel 2012 era stato sospettato della morte di Gregory Faull, un americano come lui finito a colpi di arma da fuoco a San Pedro Town, nell’isola di Ambergris in Belize, lo stesso paradiso tropicale dove McAfee si era trasferito dopo avere venduto per milioni di dollari quella che era allora la società leader della protezione informatica nel settore dei personal computer.

Leggi anche:

Amazon, l’altra faccia del Prime Day: distrutti milioni di prodotti invenduti (VIDEO)

Unipa, in arrivo la Digital Career Week 2021: tutte le info

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata