Home

Ormai non ci stupisce più nulla, anzi. Ad ogni nuova applicazione che viene inventata guardiamo con entusiasmo e soddisfazione. Siamo sempre più felici di poter fate TUTTO con i nostri smartphone, che ormai sono diventati prolungamenti del nostro corpo e che non lasciamo mai. Nemmeno per un secondo!

Uno degli effetti collaterali però dell’uso smisurato dello smartphone è il rischio di usarlo anche in situazioni che possano mettere a rischio la nostra reputazione. Ad esempio, potrebbe capitare che, dopo aver alzato un po’ il gomito e tolto qualche freno inibitore, ci mettiamo a far col cellulare cose sconvenienti, di cui potremmo pentirci il giorno dopo, quando sareo ritornati sobri. Ad esempio se uno è ubriaco potrebbe scattare selfie inopportuni, scrivere commenti fuori luogo sui social e fare altre figuracce che possano complicare, e persino rovinare la vita nel tempo di un like.

Per questo motivo Gree, un’azienda cinese da poco entrata nel mondo della telefonia mobile, ha realizzato e brevettato un filtro anti-sbronza che ha come obiettivo principale quello di salvaguardare la faccia delle persone. E la loro dignità.

I divieti del filtro

La modalità “sbronza” è un’impostazione, preconfigurata interamente dall’utente, che stabilisce quali app sono vietate e quali consentite una volta che sarà attivato il filtro sbronza. Ma, soprattutto, registra la sequenza di sblocco che dovrà essere riprodotta per consentire la disattivazione. Quest’ultima è una complicata sequenza di codici alfanumerici. Segni e gesti da tracciare sullo schermo, praticamente impossibile da portare a termine se l’alcol ha preso il sopravvento sulle nostre capacità di coordinazione.

La limitazione dei numeri da contattare

La modalità “sbronza” permette anche di limitare i numeri di telefono contattabili. Dunque, una volta attivata, sarà possibile chiamare (purché siano stati precedentemente inseriti nella lista dei numeri utilizzabili) un taxi o l’amico più fidato perché ci riportino a casa, ma, per dire, il numero del capoufficio sarà momentaneamente irraggiungibile.  

Il grande dubbio

Una volta attivato, questo singolare filtro, attiverà anche funzioni che renderanno il telefono più facilmente utilizzabile a chi ha alzato un po’ il gomito, per esempio mostrando numeri più grandi sulla tastiera o inviando, alla semplice pressione di un tasto, la posizione GPS a qualcuno che può venirci a recuperare. Resta però un dubbio: chissà se una app del genere sarà davvero sufficiente per salvare la reputazione! O se non sia, al contrario, la sua stessa presenza nello smartphone a demolire la dignità del proprietario….Probabilmente ci sono ancora delle cose da affinare. Ma certo l’idea è buona e potrebbe essere molto utile a chi è incline all’abbandno dei freni inibitori e non regge troppo bene l’alcool.

Leggi anche:

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Maria Pia Scancarello

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata