Home

LinkedIn è il primo social con finalità professionale del mondo. Iniziare ad utilizzare LinkedIn da neolaureati o da studenti universitari rappresenta una scelta vincente, “sondando” il terreno del mercato del lavoro.

LinkedIn per neolaureati: i consigli per un profilo efficace

1. Scrivere con cura il riepilogo

Il riepilogo è un vero e proprio biglietto da visita di un utente iscritto a LinkedIn, una sorta di riassunto del suo percorso professionale. Per questo motivo, è tra le prime cose che un recruiter legge quando seleziona un candidato. Nel caso di un neolaureato o di uno studente universitario, è importante far risaltar il percorso accademico, i docenti seguiti e i corsi frequentati, i progetti svolti e gli stage effettuati, le attività extra-accademiche svolte, oltre ai propri punti di forza e gli obiettivi di carriera che si vogliono conseguire.

2. Sommario LinkedIn neolaureato

Il sommario, o headline, di un profilo Linkedin è una sezione altrettanto importante, da curare con attenzione. Qui lo spazio per la scrittura è davvero minimo: solitamente si compone della propria qualifica personale, dell’azienda per cui si lavora e si aggiunge qualche parola chiave. Nel caso di un laureato, è importante evidenziare l’università frequentata e inserire delle keyword relative alla posizione lavorativa che si sta cercando oppure alle aziende dove si vorrebbe lavorare.

3. Creare la propria rete di contatti

Un profilo LinkedIn, per avere successo ed essere interessante per i recruiter, deve avere una buona rete di contatti. Nel caso di un neolaureato, è importante inserire nel proprio network altri studenti che hanno frequentato la stessa università, oltre ovviamente ai docenti, che possono contribuire ad offrire credibilità al profilo. Se hai svolto qualche stage o tirocinio, ricorda di aggiungere le persone con le quali hai collaborato.

4. Segnalazioni e referenze

Ogni profilo LinkedIn ospita una sezione dedicata alla segnalazioni o alle referenze: si tratta di commenti lasciati da altri utenti che hanno lavorato o collaborato con il possessore del profilo. Un ottimo modo per ottenere referenze è farle in prima persona agli altri, magari iniziando dai propri amici, che sicuramente ricambieranno il favore.

5. Il portfolio dei propri lavori

Per suscitare l’interesse di recruiter e selezionatori una buona idea è arricchire il proprio profilo con una serie di presentazioni riguardo uno stage o una collaborazione, ma anche la propria tesi. Inoltre, se si gestisce un blog, può essere interessante aggiungere un’anteprima.


Leggi anche: Professore da record, si laurea e dopo 4 giorni insegna al liceo: l’incredibile storia di Andrea


6. L’importanza della geolocalizzazione

Un elemento fondamentale da inserire nel profilo LinkedIn è il luogo dove si vive o dove ci si trova: si tratta di un’informazione molto importante per i recruiter.

7. Scegli con attenzione la foto professionale

La foto è un biglietto da vista e deve essere scelta attentamente, perché contribuirà al successo del profilo. Un altro errore da non fare è quello di non inserire alcuna immagine. Sfondo neutro, abbigliamento curato sono sicuro i consigli vincenti.

8. Personalizza l’URL del profilo

Avere un URL personalizzata del profilo LinkedIn è importante per apparire più in alto nelle ricerche dei selezionatori. LinkedIn infatti propone in automatico un URL composto da una stringa casuale di numeri e lettere: è fondamentale personalizzarlo con il tuo nome e cognome.

9. Creare contenuti interessanti

Anche se non hai ancora esperienze lavorative da inserire nel tuo profilo, puoi sempre dimostrare ai recruiter che sei la persona giusta per una certa posizione lavorativa. Ecco perché è consigliabile creare e condividere contenuti utili ed interessanti, che ti aiutino a mettere in evidenza le tue competenze, le tue potenzialità e le tue passioni.

10. Hashtag, tag e gruppi

La chiave del successo per farsi trovare all’interno del motore di ricerca di LinkedIn è sfruttare hashtag e menzioni (tag), ma anche partecipare a gruppi specifici per i propri interessi. È quindi utile scegliere qualche gruppo dedicato al settore o all’azienda per cui si è interessati a lavorare, in modo da conoscere persone e ampliare la propria rete di contatti.

Le Università post Covid sono ancora deserte, 1 su 2 segue in Dad: “Studenti troppo pigri”

Università, cosa fare il giorno prima di un esame? I consigli pratici per superarlo

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata