Home

A Marsala una donna di 34 anni diventa nonna e decide di condividere la sua felicità attraverso i social. La celebrazione dell’arrivo di un nipotino, Nicolò il nome, avviene su Facebook con un post ricco di affetto e felicità per l’evento.

“Felice di essere nonna a 34 anni”. È questa la descrizione con cui la siciliana racconta la nascita del nipotino attraverso uno scatto rubato e di fretta. La figlia sedicenne di Pamela Gerardi ha avuto una figlia ed è la stessa Pamela a raccontare la profonda emozione di diventare nonna alla giovane età di 34 anni.

L’affetto immediato della nonna traspare dallo scatto con il nipotino appena arrivato in questo mondo travolto da un virus invisibile. Per non mostrare al pubblico social la foto del nipote, la 34enne di Marsala decide di oscurare il volto del neonato con una faccia con due cuori, che sta ovviamente a rappresentare l’amore provato nei suoi confronti.


Leggi anche

L’influencer Marika Faraci dopo la laurea: “Potete laurearvi in tempo mentre si lavora”


Marsala, diventa nonna a 34 anni: “Non sono vecchia, sono solo benedetta”

Il post della donna continua con un pensiero per coloro che forse la giudicheranno: “Diventare nonni fosse solo una questione di scelta – scrive la donna – consiglierei a ognuno di voi di diventare nonna. Fino a qualche mese fa, certamente non pensavo di diventare nonna a 34 anni. Essere nonni non significa essere vecchi. Significa essere stati benedetti con il regalo più bello che possa esistere”.

Poi la 34enne Pamela decide di ringraziare il grande lavoro dell’equipe medica nei confronti della figlia 16enne e del nipote nascituro: “Ringraziamento speciale al reparto Ginecologia dell’ospedale Paolo Borsellino di Marsala. Al dottor Ferreri, ostetriche ed infermieri, che sono fantastici”.

Questo il post di Pamela Gerardi


Leggi anche

Instagram, le cose che non sai: curiosità e tips


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata