Home

Lo storico duo ha messo all’asta il 15% dei diritti editoriali e discografici del loro intero bagaglio musicale, così da includere i fan nei guadagni.

La musica non è più quella di una volta. Lo sanno bene Thomas De Gasperi e Matteo Maffucci, gli Zero Assoluto, che hanno deciso di sperimentare una sorta di Borsa musicale insieme alla società ANote Music.

Investire in musica!

La società lussemburghese, fondata dagli italiani Marzio Schena e Matteo Cernuschi, insieme al belga Grégoire Mathonet, apre gli scenari ad una nuova realtà: investire in diritti musicali. Il funzionamento è pressoché identico alle quotazioni in Borsa. Chi investe in azioni legate ai brani degli artisti, potrà partecipare ai loro proventi sulla base di un prezzo calcolato sul rendimento medio delle royalties negli ultimi 3-5 anni.


Leggi anche: Ragazzina sfida un orso per proteggere i suoi cani (VIDEO)


Gli Zero Assoluto quotati in Borsa

Nello specifico, il duo di “E svegliarsi la mattina…TURUTURUTUTU” ha messo all’asta il 15% dei diritti editoriali e discografici del loro intero catalogo musicale: dai brani passati di maggior successo fino a quelli che produrranno in futuro. Per dare qualche informazione utile a chi possa essere interessato, negli ultimi tre anni il catalogo degli Zero Assoluto ha generato royalties superiori ai 120mila euro (40mila l’anno). Il rendimento previsto, con un valore delle quote pari a 14,50 sulle royalties, è del 6,9%.

Investire in diritti musicali: come funziona?

Il funzionamento è piuttosto semplice. Gli investimenti avvengono tramite l’utilizzo di criptovalute, attraverso le quali si riceve periodicamente un corrispettivo in royalties da parte di Siae, Scf o altre società simili che si occupano della tutela del diritto d’autore. Le oscillazioni di Borsa, in questo caso, dipendono da vari fattori, come il numero di streaming, di vendite o di sincronizzazioni dei brani in catalogo sulle varie piattaforme digital di fruizione della musica (Spotify, Amazon Music etc.).

testo zitti e buoni

I Maneskin da Eurovision a Crudelia: “Siamo come lei”

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata