Home

Per Lucia arriva una laurea straordinaria, ma in un modo totalmente normale. La giovane, nata e cresciuta a Firenze, ha discusso la tesi e ha ottenuto la laurea 24 ore dopo aver messo alla luce la sua piccola creatura. Fin all’ultimo minuto la neomamma e neolaureata aveva paura nel dover far coincidere due dei momenti più emozionanti della sua vita: la nascita del suo Riccardo e l’ottenimento della laurea in Scienze dell’Educazione e Formazione.

Fortunatamente tutto è andato per il verso giusto. Lucia a tutti costi ha voluto discutere la sua laurea. Niente e nessuno è riuscito fermarla. La direzione dell’ospedale le ha messo ha disposizione la sala riunioni e un computer. Lei si è vestita. Si è truccata. E infine si è presentata puntuale in videoconferenza davanti alla Commissione esaminatrice, che non sapeva che la studentessa fosse appena diventa mamma, per discutere la tesi che aveva preparato sul linguaggio infantile.


Leggi anche: Denise Pipitone, il testimone misterioso: “Piangeva e urlava ‘aiuto mamma’”


Si laurea in ospedale dopo aver partito

“Ho fatto tanti sacrifici per arrivare alla laurea, non volevo rinviarla, non sarebbe stato giusto. Stavo bene, così mi sono vestita di tutto punto e l’ho discussa. Credo sia un insegnamento anche per il mio bambino: è un messaggio per lui ad avere determinazione nella vita nel raggiungimento degli obiettivi che ci prefiggiamo. Sono felice: ho raggiunto gli obiettivi che volevo. Certo, sono stati due giorni ricchi di emozioni, arrivate tutte insieme”, racconta alla versione fiorentina del Corriere.

Quando il marito è andato a prenderla in ospedale si è presentato con la classica corona di alloro. “Siamo felici di essere stati parte di questo doppio evento – commenta il direttore dell’ospedale, Simone Naldini –. Alla mamma le congratulazioni di tutto il San Giovanni di Dio”.


Leggi anche

Influencer si pavoneggia: “Con TikTok 10mila euro al giorno. Università? È inutile”


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata