Home

Quattro anni fa è stato torturato, seviziato e ucciso in Egitto Giulio Regeni, dottorando italiano dell’Università di Cambridge

Il dottorando fu ucciso a causa del suo lavoro di ricerca sul ruolo dei lavoratori nella rivoluzione nell’era post-Mubarak e sul ruolo dei sindacati autonomi. 

La sua storia ha colpito profondamente la comunità accademica mondiale e palermitana. 


Leggi anche: Università. Ecco gli atenei più “green” d’Italia nel 2020. Nessuna siciliana


Dopo gli avvisi di chiusura delle indagini da parte della procura di Roma, l’Università degli Studi di Palermo si unisce alla dura condanna nei confronti dell’operato delle autorità egiziane e alla richiesta di giustizia della famiglia.

L’Università di Palermo invita, inoltre, i docenti dell’Ateneo a iniziare le lezioni ricordando la figura di Giulio Regeni e i valori irrinunciabile della libertà d’insegnamento e di ricerca e della ricerca della giustizia.

Il Consiglio di Amministrazione dell’Università di Palermo decide, inoltre, di inserire nella homepage del Portale UniPa il banner “Verità per Giulio Regeni

E rinnova la solidarietà e il sostegno per Patrick Zaky detenuto al Cairo e la condanna per tutti gli altri casi di lesione del diritto allo studio e alla ricerca.


Leggi anche:

L’Università con i distributori di assorbenti: costano venti centesimi

Esami online. Creato il software per smascherare gli imbrogli. Ecco come funziona

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata