Home

Attesa tra poche ore la decisione del Comitato Tecnico Scientifico sulle modalità di somministrazione del siero anglo-svedese AstraZeneca e sulle seconde dosi.

La morte di Camilla, vaccinata con AstraZeneca

Il dibattito sul rapporto rischi-benefici legato all’inoculazione del vaccino, è seguito subito dopo la morte di Camilla, la giovane 18enne ricoverata a Genova per trombosi dopo 10 giorni dalla somministrazione di AstraZeneca. La ragazza, il 25 maggio scorso aveva ricevuto la prima dose del siero anglo-svedese aderendo all’Open day indetto dalla regione Liguria. Secondo quanto appreso, Camilla soffriva di una malattia autoimmune e assumeva una doppia terapia ormonale. Si cerca di capire se le patologie fossero state indicate nell’anamnesi prima della somministrazione.

Le raccomandazioni dell’Aifa

Le raccomandazioni dell’Aifa circa il vaccino AstraZeneca erano quelle di somministrare il siero “preferibilmente” alla popolazione over 60. Proprio su questo punto dovrebbe pronunciarsi oggi il Cts, e ci si aspetta che rendi di fatto vincolante quella che finora era solo una raccomandazione.


Leggi anche: Camilla Canepa soffriva di una malattia autoimmune, il Nas sequestra documenti


AstraZeneca: le regioni ritirano gli Open day

Nell’attesa di un verdetto dei vertici della sanità, in queste ore le regioni si sono mosse in maniera del tutto autonoma. Nella giornata di ieri, la Sicilia ha sospeso in via precauzionale la somministrazione di AstraZeneca per coloro al di sotto dei 60 anni, continuando l’Open day soltanto con il siero statunitense della Janssen. Oggi, tutte le regioni hanno bloccato le iniziative legate alla somministrazione del siero anglo-svedese senza prenotazione per la categoria under 60.

Il nodo sulle seconde dosi

Finora, la campagna vaccinale in Italia ha fatto ricevere AstraZeneca a 2 milioni e 80mila persone sotto i 60 anni. Di questi, circa 1 milione e 20mila devono ancora fare il richiamo. Ed è proprio l’inoculazione della seconda dose a creare confusione in queste ore. Dal punto di visto scientifico, sarebbe stata confermata la possibilità di ricevere la seconda dose anche con un vaccino diverso da quello anglo-svedese. Secondo l’orientamento del Cts, infatti, chi ha meno di 60 anni potrebbe far il richiamo con il vaccino a Mrna (Pfizer o Moderna). Nei giorni scorsi sono state intanto già inoculate le seconde dosi del siero angolo-svedese, ma l’Ema sostiene che non bisogna preoccuparsi. Si sostiene che le manifestazioni, seppur molto rare, intervengono dopo la prima dose, entro un numero di giorni limitato, al massimo due settimane.

Vaccini, la Sicilia sospende AstraZeneca sotto i 60 anni: ecco il perché

Morta dopo AstraZeneca, gli amici: “Camilla era felice di aver fatto il vaccino”

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Cristina Riggio

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata