Home

Camilla Canepa, la ragazza di 18 anni morta dopo la vaccinazione volontaria con AstraZeneca, secondo quanto appreso, soffriva di piastrinopenia autoimmune familiare e assumeva una doppia terapia ormonale. Gli investigatori vogliono capire se le due patologie fossero state indicate nella scheda consegnata prima della somministrazione del vaccino, il 25 maggio.

Tra i documenti che stanno acquisendo i militari anche le relazioni dei dirigenti medici del San Martino Pelosi e Brunetti. Martedi’ verra’ dato l’incarico ai medici legali Luca Tatjana e Franco Piovella. I Nas hanno acquisito la relazione della cartella clinica del San Martino e reperito tutta la documentazione relativa alla vaccinazione della ragazza.


Leggi anche: La Sicilia ad un passo dal bianco, ma le zone rosse aumentano: domani ne scatta un’altra


Il Comune di Sestri Levante ha intanto decretato che il giorno dei funerali di Camilla, sarà lutto cittadino. “Un dolore immenso ha colpito la nostra collettività – ha detto questa mattina il sindaco Valentina Ghio – e per questo la Giunta ha deciso di proclamare il lutto cittadino quando si svolgeranno le esequie”. Sulla data dei funerali non vi sono ancora certezze anche se si ipotizza la giornata di martedì per la riconsegna della salma alla famiglia.

Leggi anche:

Morta dopo AstraZeneca, gli amici: “Camilla era felice di aver fatto il vaccino”

Vaccini, la Sicilia sospende AstraZeneca sotto i 60 anni: ecco il perché

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Avatar

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata