Home

Il vaccino più discusso della pandemia, continua ad essere protagonista. Stavolta però si tratta di un’azione colletiva lanciata da Codacons. Azione in favore di tutti i soggetti con meno di 60 anni che abbiano ricevuto dosi di Vaxzevria, il siero anti Covid-19 di AstraZeneca

L’associazione dei consumatori ha deciso di scendere in campo. Dopo il caos ripetuto sulle vaccinazioni agli under 60 e i casi anche gravi di effetti collaterali è arrivato il momento di agire.

Leggi anche: Covid, nuove rivelazioni: all’Isituto di Virologia di Wuhan pipistrelli in gabbia

«La situazione di totale incertezza e i continui cambiamenti nel piano vaccinale hanno di fatto messo potenzialmente a rischio la salute di quei soggetti che hanno ricevuto Astrazeneca pur essendo categorie a cui la somministrazione di tale vaccino era sconsigliabile – ha spiegato il Codacons – Errori, ritardi e repentini dietrofront da parte degli enti pubblici che aprono ora le porte ai risarcimenti in favore dei cittadini».

L’azione collettiva di Codacons ha l’obiettivo di chiedere il risarcimento del danno non patrimoniale causato dalla paura di ammalarsi, per avere ricevuto la somministrazione del vaccino di Astrazeneca. Somministrazione autorizzata dalle autorità Italiane di competenza. Questo tipo di risarcimento è riconosciuto da diversi anni dalla nostra Giurisprudenza italiana. Dunque ci sono tutti gli estremi per agire.

La quantificazione del risarcimento per Codacons

Secondo l’associazione, questo danno potrà forfettariamente quantificarsi nella misura di euro 10mila a soggetto. Sarà, inoltre, chiesto il risarcimento del danno non patrimoniale-biologico, permanente o temporaneo, anche in termini di danno differenziale. Danno dovuto alla circostanza di per essere stati sottoposto alla vaccinazione Astrazeneca, con riserva di indicazione e quantificazione specifica.

Inoltre, c’è da considerare anche l’indennizzo previsto dalla Legge 201/92 a carico dello Stato per i soggetti che sono stati sottoposti a vaccinazione e da cui è derivala la menomazione psicofisica permanente. Questi casi specificinsi valuteranno e quantificheranno in seguito.

Potrebbe interessarti

Un’estate al mare ma non a Capo Gallo, c’è il divieto di balneazione: “Mare inquinato”

stato di emergenza

Covid, quando finirà lo stato di emergenza in Italia? Speranza fissa la data

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata