Home

Qualche giorno fa avevamo parlato della polemica degli studenti idonei non assegnatari al posto letto che rischiavano lo sfratto e la conseguente risposta del Presidente dell’Ersu Palermo Prof. Giuseppe Di Miceli.

La nostra redazione aveva contattato il presidente dell’ERSU, che prontamente ci aveva dato riscontro inviandoci una nota con una puntuale precisazione sulla situazione e dove assicurava che avrebbe nuovamente approfondito la problematica per trovare una soluzione amministrativamente corretta che dia la possibilità agli idonei di potere vedere accolte le proprie aspettative.

Le rassicurazioni pervenute qualche giorno fa dal Presidente dell’Ersu alla nostra redazione si sono concretizzate.

Infatti, durante la riunione svoltasi nella mattinata di ieri, i componenti del C.di A dell’ERSU hanno approfondito la tematica degli idonei occupanti posto letto nelle residenze (per particolari esigenze manifestate) ma non ancora assegnatari.


Leggi anche: Università. Gli errori che fanno tutti quando studiano


Come riporta il comunicato dell’ente, l’organo politico ha, quindi, congiuntamente dato indicazione condivise alla Direzione di applicare una soluzione amministrativamente compatibile per dare la possibilità agli studenti idonei non ancora assegnatari di potere vedere accolte le proprie aspettative in questo particolare momento di complessità.

Tale soluzione tiene conto del particolare momento attraversato e del fatto che una parte dei posti letto non sono attualmente occupati poiché l’attività formativa è svolta quasi del tutto con procedure telematiche.

I posti attualmente non utilizzati dagli assegnatari e fruiti da altre categorie di studenti potranno essere utilizzati grazie a una procedura di temporanea regolarizzazione che prevede il pagamento di una retta di 60 euro al mese.

Dopo la pausa festiva, verranno ottimizzate le procedure per invitare gli assegnatari a prendere possesso della stanza assegnata e, dal giorno 4 febbraio 2021, verrà reintrodotta la rilevazione delle presenze per mantenere il diritto al posto letto.

Dal giorno 8 gennaio infine, come già previsto, si darà seguito agli ulteriori scorrimenti di graduatoria per l’assegnazione dei posti letto.

Le parole del Rappresentante degli Studenti all’Ersu Giorgio Gennusa

“Siamo soddisfatti – dichiara il rappresentante in CdA Ersu Giorgio Gennusa – di aver raggiunto una formula efficace al soddisfacimento delle legittime richieste pervenute da una parte della popolazione studentesca avente diritto, ma purtroppo solamente idonea al servizio abitativo.

La rappresentanza studentesca e tutti i componenti del CdA si sono mostrati compatti e congiuntamente intenzionati a venire incontro alle esigenze dei nostri studenti.

Ci auspichiamo – conclude Gennusa – di poter implementare e migliorare ulteriormente i servizi offerti dall’Ente con il medesimo spirito di collaborazione manifestato nel contesto attuale”


Altre news:

Unipa. “Non siamo abusivi”. Studenti rischiano lo sfratto. La risposta dell’ERSU

Cosa pensano gli studenti del vaccino. Il sondaggio

Servizio civile. Ecco il Bando per 46.891 operatori retribuiti in tutta Italia

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata