Home

Uno studente su tre dichiara di non volersi vaccinare. E’ quello che emerge da un sondaggio sulla pagina Instagram di Younipa.

Abbiamo lanciato questo sondaggio ieri, in occasione del V-day.

La domanda che abbiamo posto ai nostri follower è stata questa: “Oggi è il v-day. Quanti di voi faranno il vaccino?”.  

Il sondaggio è stato molto partecipato. Ma la risposta ci ha sorpreso un po’. 1267 ragazzi hanno risposto si, e 456 no.

Pensavamo che almeno tra gli studenti fosse chiara l’importanza che questo vaccino ha per tutti noi, per la nostra società, per il ritorno ad una vita normale.

Emerge invece che permangono perplessità sul vaccino. Ma quello che ci chiediamo noi è…perché?

Cosa di preciso vi porta a dichiarare che non vi vaccinerete? Ci piacerebbe capire meglio quali sono le perplessità degli studenti.

Invece di attendere trepidanti il momento in cui tutti potremo vaccinarci, e essere ansiosi di sapere quando le dosi di vaccino saranno disponibili per tutta la popolazione, qui ancora parliamo di chi si vuole vaccinare e chi no. Dovremmo fare a gara per accaparrarci una dose di vaccino prima possibile, dovremmo parlare solo di come e quando tutti potranno farlo.

E invece ancora dobbiamo combattere con le perplessità della gente. Ora, che qualcuno poco ferrato in materia, possa gridare al complotto o credere alle teorie negazioniste dei no-vax che cercano di sfruttare la paura e l’ignoranza della massa, ci può anche stare. E’ questa purtroppo la società in cui viviamo…

Ma che gli studenti universitari manifestino ancora questo tipo di perplessità questo beh, non lo capisco.

Vogliamo aprire con voi un dibattito per cercare di analizzare su cosa sono fondate le vostre perplessità e provare insieme a sciogleire i vostri dubbi, anche con l’aiuto di esperti in materia.

Ci piacerebbe che il mondo universitario in massa si facesse ambasciatore di buona informazione. Perchè noi pensiamo che avere un vaccino contro il covid-19 sia un grande passo avanti per la scienza e per la società.


Leggi anche:

Vaccino Covid. Scoppia la polemica: A Germania e Francia molte più dosi dell’Italia


“Noi medici i primi a dare l’esempio”. Intervista al dottor Tramonte

Covid. Inizia l’era del Vaccino: quali sono pronti e quante dosi


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Maria Pia Scancarello

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata