Home

LOL, chi ride è fuori ha anche il suo gate. Molti degli spettatori, che in queste settimane hanno inondato il web di citazioni sul nuovo format di Amazon Prime, hanno scoperto che molti degli sketch fatti nella versione italiana erano identici a quelli dell’estero.

Da ore circolano video in cui le imitazioni e gli spettacoli fatti da alcuni dei protagonisti, Elio, Lillo e Frank Matano, erano già stati usati su Lol in Germania.

Una delle esibizioni, uguali sia nella versione italiana che quella tedesca, è quella del mago. Ad interpretarlo in qualità di comico italiano Lillo, che a suo discolpa in un’intervista al Corriere dichiara: “Quel numero non è mio e nemmeno del concorrente tedesco, ma del mago Lioz, come dichiaro anche all’inizio dello sketch, mostrando anche un finto biglietto che mi avrebbe consegnato lui, in quanto suo adepto. Insomma, ho subito dichiarato l’autore. Ad ogni modo, il concetto di Lol è far ridere gli altri, non necessariamente con cose del proprio repertorio”.


Leggi anche: Spagna, gli studenti dalla DAD alle lezioni in spiaggia: a Mondello si potrebbe fare? VIDEO


LOL: le gag dei comici sono scopiazzate dalle versioni estere?

E aggiunge: “Se devi far ridere gli altri usi anche cose che fanno tanto ridere te per primo. Sempre dichiarando la fonte. Anche le barzellette non le ho inventate io. Ma mi facevano ridere. Posaman o la frase “so Lillo” è chiaro che vengono da me”.

Non sembra però solamente l’esibizione da mago di Lillo ad essere ispirata alle versioni estere. Infatti anche il buffo travestimento di Elio, il cantante delle Storie Tese, con un quadro della Monnalisa incorporato non è preso dal suo sacco. Già in una versione estera era comparso questo travestimento con il quadro di Leonardo.

Proprio per questo motivo molti utenti del web hanno trasformato il titolo del format da “LOL, chi ride è fuori” a “LOL, chi scopiazza è fuori”.


Leggi anche

Nuovi Concorsi e riforma Brunetta, perché i giovani rischiano di essere tagliati fuori


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata