Home

I no Green Pass abbandonano le piazze social e passano su quelle in strade. In tutta Italia i contestatori della certificazione verde promettono guerra alle scelte del governo Draghi. Tra i partecipanti a Palermo ci sarà anche il professore Gandolfo Dominici di Unipa.

L’evento si terrà sabato 2 ottobre a un passo dal Teatro Massimo, alle 17.30. Tra i partecipanti, oltre al docente, anche il biologo molecolare Massimo Coppolino e lo scrittore Fabiuccio Maggiore. Qualche settimana fa le parole dell’insegnante dell’Università di Palermo contro le misure verdi sono rimbalzate tra i siti nazionali e locali, con tanto di replica del rettore uscente Micari. Tutto era nato dal paragone, fatto da Dominici, tra il vaccino e i campi di concentramento nel periodo nazi-fascista.

 “A nome dell’Ateneo -aveva dichiarato Micari – mi dissocio in maniera netta e completa da quanto pubblicato su un social network da un docente dell’Ateneo in risposta ad un esponente politico. L’associazione del vaccino contro il Covid 19 al motto dei campi di sterminio nazisti è totalmente inopportuna e gravemente offensiva“.


Leggi anche: Unipa, il prof Dominici non arretra sul Green Pass: “Combatterò il regime, anche da esiliato”


No Green Pass scendono in piazza a Palermo, tra i portavoce il prof Dominici

Aggiungendo: “Per quanto l’Università sia un luogo aperto alla libertà di pensiero e di dibattito appare intollerabile e raccapricciante la strumentalizzazione di una delle pagine più drammatiche della storia per esprimere una personale posizione. L’Ateneo seppure nel rispetto delle opinioni – conclude il rettore – stigmatizza tale modalità di espressione, estremamente lontana dallo spirito accademico di diffusione di un pensiero responsabile, basato sull’oggettività e sulla conoscenza”.

E il professore Dominici aveva ribattuto: “Non vedo come ciò che io (seppur in modo provocatorio) possa scrivere sui social possa essere affare dell’Ateneo. Tengo a ribadire che né il movimento spontaneo di accademici contro il ‘green pass’, né il sottoscritto sono NoVax, ma per la libera scelta vaccinale. E contro soprattutto ogni forma di controllo sociale mediante qualsiasi ‘lasciapassare’ utilizzato come condizione per godere dei diritti costituzionalmente garantiti“.


Leggi anche:

auto

Amanti focosi si appartano in auto e tolgono per sbaglio il freno a mano: Yaris vola dalla collina


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata