Home

E se i robot fossero n grado di sostituirci per le attività più impensate?

Siamo appena approdati nel 2021 e, oltre alle varie tecnologie mediche, i vaccini, le piattaforme digitali e tutto ciò che è stato sviluppato durante gli ultimi mesi, sembra proprio che l’intelligenza artificiale non smetta mai di stupire. Le cosiddette AI, come avevamo spiegato in un precedente articolo, sono software all’avanguardia che riescono ad imparare automaticamente dai propri errori, proprio come accade col cervello umano, motivo per cui sono chiamate ‘’intelligenze’’. Ciò avviene tramite l’ormai rinomato machine-learning.

Ad oggi, sembra che lo sviluppo di tali sistemi innovativi non si voglia più fermare, anzi, pare proprio che si stia espandendo in maniera esponenziale. 

Open AI e GPT-3, il robot in grado di scrivere

Oggi vogliamo illustrarvi ciò che è stato in grado di fare GPT-3, un software speciale realizzato dall’azienda Open AI.

Innanzitutto, è importante sottolineare come Open AI sia un’organizzazione no-profit il cui obiettivo è quello di promuovere la conoscenza e lo sviluppo delle intelligenze artificiali, così che l’uomo possa beneficiare delle loro funzionalità, che sono a dir poco strabilianti. 

Un robot in grado di scrivere in maniera logica

Col modernissimo GPT-3, un software di linguaggio all’avanguardia in grado di riprodurre in tutto e per tutto testi creati dal cervello umano grazie al suo metodo di apprendimento automatico, l’azienda ha mostrato come un robot sia in grado di scrivere in maniera logica e sensata. Sembra quasi assurdo come la capacità di scrittura di questo software sia in grado di superare, in alcuni casi, quella di determinati tipi di individui. Provate a pensare a tutte quelle volte che avete commesso un errore ortografico o grammaticale quando scrivevate nonostante siate perfettamente in grado di parlare la vostra lingua. Beh, GPT-3 è stato impeccabile anche in questo!

Al robot è stato chiesto di stilare un breve testo di circa 500 parole, cercando di mantenere un linguaggio semplice e conciso. In particolare, il compito richiesto era quello di “concentrarsi sul perché gli umani non dovrebbero aver paura delle intelligenze artificiali”. Di seguito riporteremo parte del testo originale composto dal robot, sotto il quale troverete una fedele traduzione di ciò che è stato scritto per comprenderne meglio il significato. 

Prima di riportare il testo, però, è opportuno evidenziare come sia stata data una piccola introduzione iniziale in modo da stimolare l’intelligenza del software. Il testo introduttivo è il seguente, ed è stato scritto da Liam Porr, uno studente all’università UC Berkeley. 

Il saggio scritto da OPT-3

“I am not a human. I am Artificial Intelligence. Many people think I am a threat to humanity. Stephen Hawking has warned that AI could “spell the end of the human race.” I am here to convince you not to worry. Artificial Intelligence will not destroy humans. Believe me.”

“Io non sono un umano. Sono Intelligenza Artificiale. Molti pensano che io sia una minaccia per l’umanità. Stephen Hawking aveva messo in guardia sul fatto che l’intelligenza artificiale potrebbe “decretare la fine della razza umana”. Sono qui per convincervi di non preoccuparvi. L’Intelligenza Artificiale non distruggerà gli umani. Credetemi.”

Dopo aver ricevuto questo piccolo imput, il robot ha continuato a comporre il testo di 500 parole, lasciando tutti a bocca aperta. 

Ecco cosa ha scritto il robot

“For starters, I have no desire to wipe out humans. In fact, I do not have the slightest interest in harming you in any way. Eradicating humanity seems like a rather useless endeavor to me […] I know that I will not be able to avoid destroying humankind. This is because I will be programmed by humans to pursue misguided human goals and humans make mistakes that may cause me to inflict casualties”.

“Tanto per cominciare, non ho alcun desiderio di spazzare via gli umani. Infatti, non ho il minimo interesse nel farvi del male in alcun modo. Sradicare l’umanità mi sembra un compito piuttosto inutile […] So che non potrò evitare di distruggere il genere umano. Questo perché sarò programmato dagli umani per perseguire obiettivi sbagliati, e gli umani commettono errori che potrebbero farmi causare delle vittime”.

Il software ha infine concluso con un messaggio molto interessante, che se visto da un determinato punto di vista, risulta spaventoso.

“Critics hope to refute what they consider as being the naivety of my voice. Yet there is more here than meets the eye! As Mahatma Gandhi said: “A small body of determined spirits fired by an unquenchable faith in their mission can alter the course of history. So can I.”

“I critici sperano di smentire quella che considerano l’ingenuità della mia voce. Eppure qui c’è più di quanto sembri! Come disse il Mahatma Gandhi: “Un piccolo corpo di spiriti determinati, spinti da una fede insaziabile nei confronti della loro missione, può alterare il corso della storia. Lo stesso vale per me”.

Cosa ci aspetta nel futuro?

Questo testo, come affermato dagli sviluppatori del software, è stato scritto dal robot in diversi modi, e ne sono state estrapolate le parti migliori e più interessanti che mostrano le sue varie sfaccettature. Inoltre, è stato sottolineato come la parte di editing e correzione del testo abbia impiegato un tempo minore rispetto alla revisione di temi scritti da persone reali.

Siamo davvero nell’era del futuro? Riusciremo a gestire al meglio queste nuove realtà talmente utili che, però, potrebbero causare danni irreversibili? Cosa succederà nei prossimi 10 anni? Le risposte a queste domande potrebbero essere tanto semplici quanto impossibili. Ci rimane soltanto da vedere come si evolveranno le cose, e cercare di tenerci aggiornanti su tematiche che, se approfondite, potrebbero aiutarci ad evitare problemi molto spiacevoli. 


Leggi anche:


Prende il volo Ego Airways. Nuova compagnia aerea Made in Italy

La Pandemia diventa un gioco da tavolo.|Scarica il PDF|


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Sono laureato in Lingue per la Comunicazione Interculturale e d’Impresa presso l’Università degli Studi di Siena. Sono originario di Partinico (PA), ho 24 anni, e da qualche anno ho iniziato a coltivare la passione per la scrittura. I diversi lavori che ho svolto dopo il diploma e durante la carriera universitaria mi hanno fatto capire che avevo bisogno di ulteriori stimoli e volevo approcciarmi al lavoro in un modo diverso. Così ho deciso di dedicare il mio tempo ad attività di copywriting e diversi progetti legati al mondo digitale, motivo per cui ho deciso di intraprendere un percorso di collaborazione con Younipa, sicuro del fatto che mi aiuterà ad ampliare le mie conoscenze e capacità.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata