Home

“Non è mai troppo tardi”, con queste parole Rosanna Brescia, signora che si è laureata all’età di 72 anni, ha presentato una tesi sul monachesimo femminile. La neo dottoressa ha, nello specifico, ottenuto il titolo in Scienze Storiche presso l’Università La Sapienza di Roma. La grande soddisfazione arriva dopo una vita dedicata all’insegnamento presso le scuole elementari.

Secondo quanto riportato dalla testata La Repubblica, dietro la scelta di frequentare un corso di laurea alla sua età si cela un motivo importante. “Mi sono iscritta perché ho perso una figlia di 14 anni e questo percorso è come se lo avesse fatto lei – ha dichiarato Rosanna dopo l’atteso momento della proclamazione – , è come se oggi al posto mio ci fosse lei a cui dedico tutti i miei sforzi e i miei sacrifici”.


Leggi anche: “Addio, avete perso un uomo libero”: prof universitario dice no al Green Pass e si licenzia


Si laurea a 72 anni e dedica la corona alla figlia morta a 14 anni

Rosanna Brescia ha anche raccontato di aver scritto rigorosamente a mano la propria tesi. La stesura è avvenuta in un momento particolare della sua vita, ovvero mentre accudiva la madre di ben 96 anni. E poi ha raccontato: “Ho fatto l’amanuense, come quelli che ho studiato a Paleografia Cristiana mentre intimavo a mia madre e alla badante di fare silenzio per non perdere la concentrazione”. 

Un esempio straordinario di dedizione e amore, che è stato coronato con uno scroscio di applausi non solo della commissione e degli altri studenti, ma da tutto l’ateneo romano. “Oggi i nostri auguri speciali vanno a Rosanna Brescia, che a 72 anni si è laureata in Scienze storiche – si legge sull’account ufficiale della pagina Facebook dell’ateneo – Congratulazioni a lei, per la sua storia e per questo bellissimo traguardo, e a tutti i neolaureati di questi ultimi giorni”.


Leggi anche:

No di Unipa alle lezioni in presenza: indignazione e rabbia degli studenti


“La laurea non è inutile”, l’87% dei laureati trova lavoro: ma le paghe sono ancora basse

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata